palace of pleasure 2

PALACE OF PLEASURE: DALLA NORVEGIA LA DANCE PIÙ ORIGINALE DELL’ANNO

palace of pleasure 2

di Gian Luca Valentini

I Palace of Pleasure vengono da Oslo e suonano come mille milioni di byte diversi nel cervello. Milioni che, però, vanno a formare un veicolo plausibile e omeopatico delle diversità scatenanti il risultato finale.
Un risultato che odora di Grande Nord, di Messico, di Equatore e di Ghiaccio. Un caldo ghiacciato che penetra dentro come un gelido dolce flambé. Ci si diverte e non poco con la loro fantasia musicale e i loro coloratissimi e energizzanti video.
Hanno vinto un bel po’ di premi in Norvegia e si divertono dal 1994. Da quella data sono stati enormemente amati in Scandinavia e anche fuori, poi si sono chiusi in un po’ di sano anonimato anti-star e ora hanno deciso di non annoiarsi più con la vita routinaria e sono tornati all’attacco come dei ventenni.
Il loro primo album è del 1996 e s’intitola Release The Pleasure, anche se è con il secondo album, Emperor Norton, che vincono il Spellemanprisen (il Grammy norvegese) nella categoria dance/techno. Con il terzo, Propaganda, rivincono lo stesso premio ma stavolta come miglior cd e band dance. La band ha anche scritto musica per il cinema e per il teatro.
Attualmente il gruppo è composto da: Sigmund Holtskog (voci, chitarre e tastiere), Stian Torstenson (chitarre e tastiere), Justin Newall (basso e chitarra) e, rientrato in formazione dopo esserne uscito nel 2005, Jørund Høie Skaug (basso e tastiere).
Il loro nuovo EP, Keep Your Guitar In A Dark Place, si trova su iTunes: da non perdere.

L’intervista al gruppo è presentata nell’originale inglese e, di seguito, in traduzione italiana.

First of all, why the name Palace Of Pleasure? And why, starting from the title of your new EP, you seem to follow so earnestly Captain Beefheart’s ten commandments on guitar playing? On your EP your guitar playing is smooth and well trained, but it’s also easy to perceive all the ideas and even the smells of 21st century. Do you agree with that?
The name Palace of Pleasure comes from a dirty 80´s computer game. Captain Beefheart’s 10 commandments of guitar playing – “keep your guitar in a dark place” is one of them – was really a torture instrument Beefheart used to control his musicians in The Magic Band. Beefheart made up all these rules to disguise the fact that couldn´t write music properly, that he wasn´t able to communicate through music. We tried to use his commandments as an inspiration during the recording of the EP, but practicing in front of a bush is really hard in the Norwegian winter. So we had to ditch the commandments. We hope he would approve the fact that we rarely change our guitar strings, and definitely never on a Sunday. We certainly have all the smells. If you don’t believe us, you should visit our practice room!

palace of pleasure cover

This foretaste of your forthcoming seventh album is a magnificent EP with three songs depicting an electro-dancing voyage in your galaxy hotel. How did you give shape to it? Birds and woods, again according to the Captain’s commandments, have been a source of inspiration? And what about the meaning of the songs? What’s hidden in them? What do they tell us?
The EP was written during a band weekend in Sweden, where we locked ourselves in a house for the weekend. A good stock of beer gave us creative juices, and the surrounding countryside gave us no distractions. We went through all our old recordings and found things we had completely forgotten. It was an archaeological excavation, really. This is how Ralph och hans Ljudkrumerlurer came into being. None of us actually remember playing this. Was it really us, or did Captain Beefheart have something to do with it?
The other two songs were created that weekend. We were fully conscious and aware of what we were doing. All our ideas converged and flowed in the same direction, so it felt like the songs made themselves fairly naturally.

palace of pleasure 1
You get your inspiration from the past, but you are also very original. How do you create your material?
Jørund: As writers we influence each other, and can happily write parts for each other, or suggest for each other what to play. The same is true of our production process. We are a very democratic band, which is probably why we take such a long time to perfect the songs. We are a very 21st century band, although I’m probably the most Neanderthal member of the band when it comes to technology and listening habits.
In Scandinavia (and overseas, too) you are very famous since 1999 and two of your six albums awarded with the Norwegian Grammy Award. This is success with a capital S, isn’t it?
We used to be quite successful in the late 90´s and early 00´s, but we have kept a lower profile for the last couple of years. Basically we got kidnapped by wives, husbands, kids, lovers and work. But we found adult life very boring, so now we are ready to take on the world again. We might kidnap someone as well…

httpv://www.youtube.com/watch?v=pvTX37ynAOI&list=PL4C3FA25A1D9BA198

You are from Oslo. I went there a couple of times years ago and I found a fascinating humus of artists and performers. What’s the situation up there now?
Jørund: Oslo has a very strong music scene, and there are good gigs every night on a lot of venues and clubs. The Cosmic Disco Scene, with Lindstrøm, Todd Terje and Prins Thomas is perhaps Oslo´s greatest contribution to the world of music. We were never a part of that scene or any other scene, but we really like what those guys are doing, and how they have success on their own terms. There are also tons of underground artists, doing great stuff in indie, noise, folk etc.
Justin: The musical scene in Oslo is so lively, that just while doing this interview we missed two bands of friends that were playing!
Your musical influences…
Jørund: I think we are quite inspired by new wave and post-punk bands from the 70´s and 80´s who mutated dub and reggae into all kinds of experimental stuff. Bands like Cabaret Voltaire, Public Image Ltd and The Pop Group have certainly been influences. But we also loved Spacemen 3 and Loop and electronic acts like The Orb and Leftfield when we started the band.
Justin: Being more of a guitarist originally, I hadn’t played much bass before I joined PoP in 2005, although I already had a bunch of bass heroes from the past, like JJ Burnell of The Stranglers, Chris Squire of Yes and Geddy Lee from Rush. I was also a big fan of PoP from before, and very deliberately used their previous bassist Bjarne Larsen (of Salvatore and Masselys) as a primary influence, until I found my own style and place in the music.
Other infos or curios about Keep Your Guitar In A Dark Place?
Guitars are not really guitars, they are actually divining rods, which can be used to find spirits in the other world.
Let’s talk about your forthcoming 7th album. Ideas? News? Behind-the-scene-activities?
There will surely be an album no. 7. But we will make another EP or two first. Behind the scenes things are ugly, and there are all kinds of spirits hassling us. It´s all Beefhearts fault.
Back to the EP, what about the cover image?
Justin: Back in around 2006, I went on holiday to North Wales with my friend Spacebrain. I wanted to show him the seaside town Rhyl, where I went to high school. Along the promenade were rows of amusement arcades and pool halls, which were a great place to go when bunking off school. At the end of the promenade was a fun fair, which I used to go to when I was a kid. The fun fair was closed down and empty, and we found this derelict amusement arcade which was called Palace of Pleasure! (Or now, with the missing letters, Palace o leasure.) Obviously, I had to take a lot of pictures. I think you will see a few more when our next album comes out. There was a great atmosphere to the shots, but the place was kind of tragic – like some kind of ghost town. The whole place is gone now. It got demolished to make way for a new shopping centre, or something. So these pictures are a historical document of something that used to be a major attraction of the North Wales coast, but is gone forever.
A few words about the past of Palace of Pleasure?
A lot of echo machines machines machines. Lots of gigs.
A few words about the future?
The future is so passé. 🙁

httpv://www.youtube.com/watch?v=Pav7ZLn4RSM&list=PLA5F066E34D5500A4

What kind of music are you listening to at the moment? What kind of movies do you prefer?
Jørund: I am a great fan of David Lynch, especially Mulholland Drive. We listen to all kinds of music; on the electronic side at the moment there´s The Bugs new album which is great. Some of us are very much into Swans. Oh, and there´s Hercules and Love Affair, The JuanMcLean, Peaking Lights, Thee Oh Sees, Prince Rama, Factory Floor, Nisennenmondai, Boards of Canada, Younghusband, John Grant, Beak, krautrock and kosmische sounds, Thieves Like Us, Black Devil Disco Club, Moon Duo, The Field, Suuns, Adult, Blondes, Goat, Todd Terje, Public Service Broadcasting, our friends in Radio 9 and Legs 11. And Lasso, says Sigmund.
Jørund Skaug is back at work with all of you again. What happened to him if it is not a personal matter?
Jørund: I joined the Church of Scientology, was a heavy drug user for a couple of years, then I became a born-again Christian. Then there was another brief period in the Church of Scientology, on even heavier drugs. But I got better.
Tell me the story of one of the three song in the EP. Just pick one of your liking.
Ralph och hans ljudkrumelurer is actually a wonderful and bizarre YouTube video from Swedish television in the 70s. Ralph Lundsten is a producer who built his own state of the art-studio in a pink house which he declared as embassy of the Andromeda Galaxy. Our song Pink Palace from 1997 is named after his house. He has released about 80 records, ranging from experimental electronic stuff to rather boring new age music, with some soundtracks along the way for nasty Swedish exploitation films. In the YouTube video, a couple of children visits his house, and are treated with strange sounds.

Follow us on Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

and Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

httpv://www.youtube.com/watch?v=yesr_pQc9aI&index=4&list=PL4C3FA25A1D9BA198

Innanzitutto, perché il nome Palace of Pleasure? E perché, partendo già dal titolo dell’EP, sembrate impegnati a seguire fino in fondo i famosi 10 comandamenti di Captain Beefheart per suonare la chitarra? Ascoltando il vostro EP, si capisce che il vostro tocco chitarristico è ben allenato e di alto livello, ma credo che voi apparteniate pienamente al XXI secolo e ne abbiate assorbito forme e persino odori.
Il nome Palace of Pleasure deriva da un gioco per computer un po’ sozzerello degli anni ‘80. I comandamenti di Captain Beefheart, fra cui quello che diceva “tieni la tua chitarra in un posto buio”, erano in realtà strumenti di tortura che gli consentivano di controllare i suoi musicisti della Magic. Beefheart creò queste regole per mascherare il fatto che non sapeva scrivere correttamente la musica, che non sapeva davvero comunicare attraverso la musica. I comandamenti ci sono serviti come fonte d’ispirazione nella realizzazione dell’EP, ma fare le prove di registrazione in un bosco norvegese d’inverno è davvero impossibile. Così abbiamo rigirato i Comandamenti a nostro comodo. Speriamo che il Capitano almeno approvi il fatto che non abbiamo quasi mai cambiato le corde della chitarra e, comunque, mai di domenica. Circa gli odori che ci circondano, beh, vieni a sentire la nostra sala di registrazione e te ne accorgerai!

palace of pleasure cover

Questo gustosissimo assaggio del vostro prossimo album è un EP davvero magnifico con tre canzoni che fanno pensare a un viaggio elettronico-dance nel vostro hotel disperso nella galassia. Come gli avete dato forma? Come dicono i Comandamenti del capitano, uccelli o boschi sono stati fonte d’ispirazione? Che significato hanno le tre canzoni? Che cosa nascondono? Che cosa ci dicono?
L’EP stato scritto durante un weekend trascorso in Svezia sempre chiusi in una casa. A sostenere la nostra creatività provvedeva un ampio rifornimento di birra, mentre il paesaggio non era causa di distrazioni. Abbiamo ripercorso il nostro passato musicale e riscoperto cose che avevamo completamente dimenticato, come quando si fanno degli scavi archeologici. Ralph och hans Ljudkrumerlurer è nata così. Eppure nessuno di noi ricorda di averla suonata. Eravamo davvero noi o Captain Beefheart si era impossessato di noi? Anche le altre due canzoni sono state create quel fine settimana. In questo caso, eravamo pienamente coscienti di quanto stavamo facendo. Tutte le nostre idee convergevano e fluivano verso un’unica direzione, proprio come se le canzoni si scrivessero da sole, in maniera completamente naturale.

palace of pleasure 1

E’ vero che prendete molto dal passato ma è altrettanto vero che siete originali come pochi. In che modo create i vostri pezzi?
Jørund: Quando scriviamo, visto che lo facciamo tutti e tre, c’influenziamo a vicenda e possiamo così felicemente scrivere parti l’uno per gli altri o suggerirci il modo migliore di suonare. Lo stesso vale per il nostro processo produttivo. Siamo davvero un gruppo democratico, ecco perché ci mettiamo un bel pò per completare i pezzi. Siamo davvero una band del XXI secolo, anche se, temo, di essere io l’unico uomo di Neanderthal del gruppo quando si tratta di tecnologia e mezzi d’ascolto.
In Scandinavia (ma anche all’estero) siete famosi dal 1999 e due dei vostri sei dischi hanno ricevuto il Grammy Award norvegese. Un grande risultato!
Abbiamo avuto un notevole successo negli anni Novanta e all’inizio del nuovo secolo. Nell’ultimo paio d’anni, invece, ci siamo tenuti un po’ nascosti. Sostanzialmente siamo stati rapiti da mogli, mariti, figli, amanti e lavoro. Ma ci siamo resi conto che fare gli adulti annoia e ora siamo pronti a riappropriarci del mondo, Stavolta potremmo essere noi a rapire qualcuno…

httpv://www.youtube.com/watch?v=pvTX37ynAOI&list=PL4C3FA25A1D9BA198

Siete di Oslo. Ci sono stato due volte un bel po’ di tempo fa trovando un proliferare di artisti di ogni genere. Com’è ora la situazione?
Jørund: Oslo ha una scena musicale davvero potente e ci sono ottime esibizioni ogni sera in diversi club e locali. La Cosmic Disco Scene di Lindstrøm, Todd Terje e Prins Thomas rappresenta sicuramente il maggior contributo musicale norvegese al mondo della musica. Noi non ne abbiamo fatto mai parte, né di quella realtà né di altre, ma ci piace molto il lavoro di quei ragazzi e il successo che hanno grazie al loro duro lavoro. E poi c’è il sottobosco, l’underground, zeppo di musica indie, noise, folk e così via.
Justin: La scena musicale ad Oslo è così viva che, per fare questa intervista, abbiamo appena perso il concerto di due band di nostri amici.
Chi vi ha influenzato musicalmente?
Jørund: Sicuramente la new wave e il post-punk degli anni Settanta e Ottanta che trasformarono il dub ed il reggae in svariati tipi di roba sperimentale. Gruppi come i Cabaret Voltaire, Public Image Ltd e The Pop Group ci hanno senza dubbio influenzato. Ma abbiamo anche amato Spaceman 3, Loop e le performance elettroniche degli Orb e dei Leftfield ai nostri albori.
Justin: Avendo iniziato come chitarrista, prima di entrare nei PoP nel 2005 suonavo il basso molto di rado. Posso dire, però, che bassisti del calibro di JJ Burnell degli Stranglers, Chris Squire degli Yes e Geddy Lee dei Rush hanno contribuito al mio suono. Devo dire, ancora, che già prima d’entrarvi ero un gran fan dei PoP e, deliberatamente, ho sfruttato il loro ex-bassista Bjarne Larsen (di Salvatore e Masselys) come mia prima fonte d’ispirazione finché non ho trovato il mio stile e il mio posto nella musica.
Altre curiosità a proposito di Keep Your Guitar In A Dark Place?
Le chitarre in realtà non sono chitarre, bensì bastoni da rabdomante che servono per trovare spiriti provenienti dall’altro mondo.
Parliamo del vostro prossimo cd, il settimo della vostra discografia. Idee? Novità al riguardo?
Ci sarà di sicuro l’album numero 7, ma prima ci saranno, almeno, uno o due EP ancora. Dietro le quinte succedono cose brutte e ci sono un sacco di spiriti che c’infastidiscono. Sappiamo che la colpa è di Beefheart.
Tornando all’EP, ci raccontate il significato della copertina?
Justin: Nel 2006 andai in vacanza nel Galles del Nord con il mio amico artista Spacebrain. Volevo mostrargli Rhyl, la cittadina sulla costa dove frequentai le superiori. Lungo la passeggiata c’erano file e file di sale da gioco e sale da biliardo, i posti prediletti da chi marinava la scuola. Alla fine della passeggiata vi era un luna park dove andavo da ragazzino. Questo luna park era chiuso e vuoto con una decrepita sala da gioco chiamata “Palace of Pleasure” (anzi, in realtà, mancavano delle lettere ed era diventata “Palace o leasure”). Ovviamente feci un sacco di foto e ne vedrete altre quando uscirà il prossimo album. C’era un’atmosfera magica tutt’intorno, sebbene il posto fosse abbastanza tragico, tipo città fantasma. Ora non c’è più nulla: è stato demolito per far posto a un centro commerciale o qualcosa di simile. Ecco, quindi, che queste foto assumono ora valore storico, un documento di qualcosa che fu una delle principali attrazioni di questa costa e che non esiste più.
Qualcosa sul vostro passato?
Un sacco di macchine per l’eco eco eco. Un sacco di concerti.
Qualcosa sul vostro futuro, invece?
Il futuro è così passato. 🙁

httpv://www.youtube.com/watch?v=Pav7ZLn4RSM&list=PLA5F066E34D5500A4

Che tipo di musica ascoltate in questo periodo? Che tipo di film guardate?
Jørund: Sono un grande fan di David Lynch, specie di Mullholland Drive. Ascolto qualunque tipo di musica. In ambito elettronico il nuovo dei Bugs è davvero grande Alcuni di noi sono molto presi dagli Swans. Potrei citarti anche Hercules and Love Affair, The JuanMcLean, Peaking Lights, Thee Oh Sees, Prince Rama, Factory Floor, Nisennenmondai, Boards of Canada, Younghusband, John Grant, Beak, il krautrock e la musica cosmica, Thieves Like Us, Black Devil Disco Club, Moon Duo, The Field, Suuns, Adult, Blondes, Goat, Todd Terje, Public Service Broadcasting, i nostri amici di Radio 9 e Legs 11. E poi, per Sigmund, c’è il grande Lasso.
Jørund Skaug è di nuovo al lavoro con voi. Che cosa era successo con lui (se non si tratta di qualcosa di personale)?
Jørund: Sono stato membro della Chiesa di Scientology e per un paio d’anni ho fatto uso di droghe pesanti; poi sono diventato un Born-Again Christian, sono rientrato per un po’ in Scientology e ho preso droghe ancora più pesanti. Infine le cose sono migliorate.
Raccontatemi la storia di una delle tre canzoni dell’EP. Una a piacere.
Ralph och hans ljudkrumelurer prende il nome da un bizzarro e incredibile video della tv svedese anni ’70 che gira su YouTube. Ralph Lundsten è un produttore che si è costruito un modernissimo studio di registrazione in una casa rosa e poi lo ha proclamato ambasciata della Galassia Andromeda. La nostra canzone Pink Palace del 1997 prende il nome da quella casa. Lundsten ha pubblicato qualcosa come 80 dischi che spaziano dall’elettronica sperimentale a noiosa new age, con, in mezzo, alcune colonne sonore per film svedesi sconci. Nel vido che si trova su YouTube, una coppia di ragazzini fanno visita al suo palazzo e sono vittime di strani suoni.

 

Seguiteci su Facebook:

 https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

 https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

 e su Twitter: 

 https://twitter.com/Tomtomroc

httpv://www.youtube.com/watch?v=yesr_pQc9aI&index=4&list=PL4C3FA25A1D9BA198

 

 

 

You may also like...

Lascia un commento!