Julitha Ryan Circolo Arci Il Progresso Concerto Firenze

Concerto: Julitha Ryan @ Circolo Arci Il Progresso (Firenze)

Julitha Ryan @ Circolo Arci Il Progresso

(Firenze, 18.03.2017).

Julitha Ryan Circolo Arci Il Progresso Concerto Firenze

Il suo secondo e ultimo disco, che sta promuovendo in un tour italiano, si intitola The Winter Journey. Difficile, almeno per un tardo-romantico come il sottoscritto, evitare il richiamo lessicale al Winterreise schubertiano. Il paragone è meno blasfemo di quanto potrebbe sembrare, se non altro perché la musica della songwriter australiana suona molto “europea”. E di un europeo anche abbastanza “continentale”.

Julitha Ryan fra Nick Cave e Mick Harvey

Cresciuta alla scuola di Nick Cave e Hugo Race, la musica di Julitha deve forse ancora di più alla lezione di Mick Harvey e alla sua passione per la musica francese e per il suo nume tutelare Serge Gainsbourg in particolare. Non a caso un’altra similitudine che salta agli occhi è quella con un’altra grande “protetta” di Mick, la sua quasi omonima PJ Harvey. Soprattutto con gli ultimi suoi due bellissimi dischi Let England Shake e The Hope Six Demolition Project.

Dal vivo a Firenze con musicisti affiatati

Nel tour la accompagna buona parte degli stessi musicisti che hanno lavorato con lei in sala di registrazione a Milano: i due Guignol Pier Adduce (chitarra) ed Enrico Berton (batteria), il chitarrista elvetico Henry Hugo e Massimiliano Gallo al violino. I quattro supportano molto bene il pianismo di Julitha, che dal vivo suona ancora più “percussivo” che nel disco, fornendo un sostegno assai solido e mai prevaricante. Ovviamente il violino fa in alcuni momenti la parte del leone, ma sempre con sobrietà e senza mai indulgere a svolazzi virtuosistici fine a se stessi.

 

La voce di Julitha Ryan

E veniamo alla voce. Confesso che, dopo aver visto Julitha prima del concerto mostrare qualche difficoltà di equilibrio – dovuta probabilmente a un tasso alcolico superiore a quello consentito per mettersi alla guida -, ho avuto qualche dubbio sulle sue possibilità di portare a termine l’esibizione. Ammetto che mi sono dovuto ricredere. Nonostante questo – o, chissà, forse proprio per questo – l’australiana ha dato vita ad un’esibizione piena di verve e senza sbavature tecniche, tirando fuori una voce a tratti dolce e melodiosa, a tratti più grintosa e quasi “strillata”, ma sempre ben modulata e mai fuori controllo.

Complimenti  per la programmazione al Circolo Il Progresso

Il tutto in una atmosfera di euforia che le ha indubbiamente giovato e che le ha consentito di trovare una pressoché immediata empatia col pubblico, che ha apprezzato e condiviso il suo entusiasmo. Anche perché questo entusiasmo è apparso da subito autentico, privo di qualunque forma di studiata e artificiosa captatio benevolentie. Insomma, ancora un plauso al Circolo Il Progresso e all’associazione culturale La Chûte, la cui programmazione musicale si conferma di grande qualità e tutt’altro che banale.

print

“Giovane” ultrasessantenne, ha ascoltato e ascolta un po’ di tutto: dalla polifonia medievale all’heavy metal passando per molto jazz, col risultato di non intendersi di nulla! Ultimamente si dedica soprattutto alla scoperta di talenti relativamente misconosciuti.

Renzo Nelli

Written by

“Giovane” ultrasessantenne, ha ascoltato e ascolta un po' di tutto: dalla polifonia medievale all'heavy metal passando per molto jazz, col risultato di non intendersi di nulla! Ultimamente si dedica soprattutto alla scoperta di talenti relativamente misconosciuti.

You may also like...

Lascia un commento!