Nick Cave Lucca

Concerto: Nick Cave & The Bad Seeds live @ Lucca

Nick Cave & The Bad Seeds incendiano Lucca.

Fa un caldo porco! (It’s fucking hot!) esclama ad un certo punto Nick Cave, e ha certamente ragione. Ma, diciamo, ha pure le sue colpe… Non che la cittadina toscana fosse fresca, ma l’impeto di Nick e dei suoi Bad Seeds ha certamente riscaldato ancora di più la gremitissima Piazza Napoleone.

Nick Cave Lucca

Perché l’australiano ha cominciato da subito una passerella continua nel fronte palco, dialogando ed entrando in contatto con le mani alzate delle prime file senza smettere di cantare e dirigere gli statuari componenti della band (escludendo però l’agitatissimo Warren Ellis).

La setlist del live @ Lucca, 17 luglio 2018

La setlist, pur indugiando all’inizio sui brani del pensoso e drammatico ultimo album, Skeleton Tree, ha scoperto alcune gemme poco eseguite; Shoot Me Down, per esempio, con Ellis al flauto introdotto ironicamente da Cave, e la torrida City of Refuge (uno dei due bis con Rings of Saturn). Molti i classici da concerto (Red Right Hand, Into My Arms, Lover Man e la furiosa Tupelo) con un finale col pubblico sul palco e Nick Cave a buttare giù di persona qualche irruento fan durante una spezzata e caotica versione di Stagger Lee.

Oltre due ore di concerto per Nick Cave & The Bad Seeds a Lucca

Super concerto, quindi, per intensità, durata (più di due ore), scelta dei brani e cornice ambientale e di pubblico. Come ogni anno il Lucca Summer Festival ha segnato un punto a proprio favore nella programmazione musicale  estiva, aspettando ancora Lenny Kravitz, i King Crimson e, ma l’anno prossimo, Elton John (biglietti già in vendita!).

Nick Cave live

Setlist

Jesus Alone /     Magneto /     Do You Love Me? /     From Her to Eternity / Loverman /  Red Right Hand /  The Ship Song / Into My Arms / Shoot Me Down / Girl in Amber / Distant Sky /   Tupelo / Deanna  (fan request) / Jubilee Street / The Weeping Song / Stagger Lee / Push the Sky Away / Encore:     City of Refuge /     Rings of Saturn

print

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

1 Response

  1. Franco Zaio Franco Zaio ha detto:

    Ottima recensione Fausto! C’ero anche io e ho scritto questo https://zaio.blogspot.com/2018/07/nick-cave-lucca.html
    Abbiamo assistito a qualcosa di memorabile! Un caro saluto, Franco Zaio

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.