Sophia al Teatro Bloser

Concerto: Sophia @ Teatro Bloser

Genova 27/11/2019: il concerto dei Sophia al Teatro Bloser.

Sophia al Teatro Bloser

Una serata musicale importante, finalmente, anche dalle nostre parti, questa volta al Teatro Bloser con  il concerto di Sophia (ovvero Robin Proper-Sheppard) in versione acustica o quasi. Il cantautore imbraccia da subito  l’acustica e spiega così, più o meno, le intenzioni della serata: “I’m gonna rock’n’roll, but in a sad way…”. Con questa premessa il concerto parte, un po’ in sordina, con una manciata di canzoni che parlano soprattutto di persone che si lasciano, che si sono amate, che vorrebbero tornare a farlo, e anche di un viaggio in Italia con  una strofa che recita ‘”in Monterosso’’,  omaggiando  la nostra regione.

Robin Proper-Sheppard in comunione con il pubblico

Robin canta quasi sempre ad occhi socchiusi, sbirciando ogni tanto il manico, oppure il pubblico, più d’una volta si ferma addirittura, complice un errorino sull’accordo o un ‘salto’ nel testo.

Sophia al Teatro Bloser

Ma riprende sempre sorridendo e scusandosi, generando una preziosa complicità con l’audience. Piano piano si guadagna la fiducia totale del pubblico, grazie anche alle poderose manate che getta sulle corde della povera chitarra nei brani più dinamici del repertorio.

I Giardini Di Mirò raggiungono i Sophia al Teatro Bloser

Il quasi acustico citato sopra, invece, si rivela verso la fine del concerto, quando alcuni componenti della band italiana I Giardini Di Mirò (violino e tromba, chitarra elettrica e batteria minimalista) arrivano sul palco  rilanciando la serata con tappeto sonoro elettro-acustico molto invitante. In questo formato la band esegue tre brani. Due sono cavalli di battaglia  del repertorio di Sophia (Ship In The Sand e If Only) mentre il terzo è Hold On, brano dei Giardini Di Mirò per il quale  Robin Proper-Sheppard ha prestato la voce.

 

Il grande momento-band prosegue nel bis, anche se l’intenzione era di chiudere in acustico; le richieste del pubblico (band, band, band…) sono accolte e i sette minuti di The River Song chiudono in crescendo un’esibizione di alto livello emotivo.

print

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.