tetes de bois 1

TÊTES DE BOIS @ LA CLAQUE (Genova, 8.5.2015)

 tetes de bois 1

di Antonio Vivaldi

I Têtes de Bois che portano in tournée Extra sono diversi dai Têtes de Bois di Avanti Pop o del Palco a Pedali. Questo dimostra che l’ormai veteranissima (detto con la massima stima) band romana possiede idee e duttilità, oltre a saper gestire bene un repertorio di canzoni non facili e un allestimento scenico a dir poco essenziale: un bidone giallo, un megafono e la bombetta sulla testa di Andrea Satta.
Extra è il titolo del secondo lavoro (pubblicato da Ala Bianca) che il gruppo dedica a Léo Ferré, oltre un decennio dopo Ferré, L’Amore E La Rivolta (il manifesto). Il concerto ripropone brani tratti da entrambi i dischi e richiede disponibilità a chi ascolta; disponibilità a entrare in un mondo di sentimenti forti e onnicomprensivi e di nomi da paura: qui non c’è solo il Ferré compositore, ma anche quello che mette in musica Rimbaud, Verlaine e Baudelaire.

tetes de bois 2

Satta si muove sul palco nel suo strano modo alla Fantomasesistenzialista, mentre Angelo Pelini, Carlo Amato e Luca De Carlo mantengono il loro ormai classico aplomb (una menzione speciale per De Carlo, trombettista i cui suoni fanno pensare al Robert Wyatt anni ’90 ed è un bel pensare). La partenza è un po’ trattenuta o forse occorre abituarsi al contesto, ma da Extra in poi il crescendo emotivo è palpabile, anche perché sfilano cose intoccabili (che qui vengono comunque toccate bene) quali Non Si Può Essere Seri A Diciassette Anni, Tu Non Dici Mai Niente e Gli Anarchici, prima della quale Satta ricorda la figura di Giovanni Passannante, attentatore nel 1878 di Umberto I e poi sepolto vivo per dieci anni in un’orrida cella.
Un breve intermezzo vede sul palco Roberta e Giampiero Alloisio. Giampiero propone la sua canzone più nota, Venezia, ricordando di averla cantata molti anni fa sul palco del premio Tenco a Sanremo, con Léo Ferré in platea ad ascoltarlo: “Solo dopo ti rendi conto di come certi momenti siano fondamentali nella tua vita”. Un altro bell’omaggio a Léo.

foto di Donatella Nocera

video di Alessando Davi (Teste di Camera)

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=c713Eg55PWc

httpv://www.youtube.com/watch?v=B8sH7z3xu3Q

You may also like...

Lascia un commento!