Art1

BABYSHAMBLES – SEQUEL TO THE PREQUEL (Parlophone – 2013)

Art1

di Marina Montesano

Per essere un individuo celebre a causa degli eccessi, degli amori contrastati, dei soggiorni in galera e dei problemi di tossicodipendenza, bisogna dire che Pete Doherty suona una musica tutto sommato molto semplice e poco tormentata. L’ultima uscita con i Babyshambles ne è la prova: l’iniziale Future somiglia ai Libertines, ma dura meno di due minuti; il primo singolo Nothing Comes To Nothing è leggero e carino, mentre i brani migliori sono quelli tinti di maliconia, come Picture Me In A Hospital, il quasi-country di Fall From Grace o lo ska lieve di Dr. No. Alla scrittura contribuisce per la prima volta il bassista Drew McConnell, reduce da un grave incidente, e forse questo contribuisce a dare una maggiore continuità alle composizioni, senza gli alti e bassi delle prove precedenti. Pete Doherty resta un cantante modesto, ma il suo modo di proporre i testi non è privo di fascino. Non un disco di eccessi positivi o negativi, insomma, ma molto gradevole.

7/10

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter:

https://twitter.com/Tomtomroc

httpv://www.youtube.com/watch?v=PqVZlR48v2U

Babyshambles – Nothing Comes To Nothing

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.