beady eye

BEADY EYE – BE (Columbia – 2013)


beady eye

Se Be fosse l’opera prima di una nuova band britannica lo si guarderebbe con un occhio di riguardo, come si conviene a un interessante e onesto disco di musica rock.
Il problema è che il frontman dei Beady Eye ha un passato ingombrante e difficile da ignorare, fatto di milioni di copie vendute in tutto il mondo, e di una popolarità che pochi gruppi hanno avuto negli ultimi decenni. Il fantasma degli Oasis continua a turbare le imprese di Liam Gallagher e le sue fatiche musicali fanno parlare meno delle scaramucce incessanti con l’odiato fratello Noel.

Be giunge a due anni dal primo disco dei Beady Eye: Different Gear, Still Speeding, rispetto al quale non dice proprio nulla di nuovo. La produzione, affidata a Dave Sitek dei TV On The Radio, serve giusto a dare un tocco di freschezza, in una direzione vagamente sperimentale, alle sonorità dell’intero lavoro ed è l’unica cosa di cui si possa dire bene. I singoli brani invece non raggiungono mai la sufficienza a causa di una vistosa debolezza strutturale e risultano superficiali e inutili come la mole di parole che Liam continua a dare in pasto alla stampa.
Risultato soporifero.

5/10

print

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

Mauro Carosio

Written by

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

You may also like...

Lascia un commento!