Recensione: Christine IX - Can I Frame The Blue?

Recensione: Christine IX – Can I Frame The Blue?

Recensione: Christine IX - Can I Frame The Blue?

La musica è diventata liquida, dicono. (E in questo modo è stata liquidata, aggiungono i cinici.) Così liquida che intorno a noi scorrono fiumi di banalità fangose e nemmeno ci si accorge  degli occasionali ruscelli limpidi.  La cosa vale, all’ennesima (im)potenza, per la musica italiana, meno in salute di altre e dunque più facile al contagio di quella malattia ancora senza vaccino detta talent (1).  Sono così pochi i buoni dischi prodotti in Italia che dimenticarne uno di valore è davvero una colpa professionale.

La lunga e lagnosa premessa serve anche come giustificazione per il ritardo con cui viene recensito Can I  Frame The Blue?, album d’esordio di Christine IX. Il disco ha potuto vedere la luce solo grazie a una raccolta fondi in rete e, sempre per proseguire nella metafora fluviale, è arrivato a noi per vie carsiche. Ma almeno è arrivato (2).

Christine IX esordisce in modo davvero ‘internazionale’

In sintonia con la sua sigla artistica, l’ex Shotgun Babies mette in fila nove canzoni banalmente definibili come intense, potenti. E anche “suonate con energia”. Fin qui sono capaci più o meno tutti. Per agganciare chi ascolta serve qualcosa in più. Serve, ad esempio, saper prendere i propri referenti musicali, assimilarli e poi farli lavorare a livello inconsapevole. In tal modo un pezzo come l’iniziale You Are Not Me viaggia fra la Siouxsie goth e i Nirvana senza citare esplicitamente né l’una né gli altri. E nemmeno Courtney Love, menzionata come pietra di paragone da più recensori.

Altra cosa che serve è saper scrivere pezzi in grado di canalizzare l’energia di cui si diceva dandole forme articolate. Ad esempio Diorama ha una forma circolare che vira verso il suadente, mentre I Love Life So Much I Want To Die (si spera che il titolo non venga preso alla lettera) suona epica senza retorica.

Can I Frame The Blue? è intensità bene articolata

In questo tripudio di complimenti rientra anche una voce in grado di lavorare su più registri. Peccato solo che ricorra troppo spesso a un timbro roco-rabbioso che risulta un po’ forzato. Anche perché l’emotività dei pezzi è vivida e percepibile senza necessità di sottolineature. Ciò detto, Can I Frame The Blue? è un disco che si può definire notevole senza dover premettere “per essere italiano”. Non si fosse appropriato dell’idea un celebre romanzetto finto-eccitante, verrebbe voglia di descriverlo come nove sfumature di blu. Blu molto carico, s’intende.

(1) Il dato è oggettivo. Chi scrive fa parte della giuria di un premio musicale e si trova di fronte a miriade di prodotti con lo stesso suono piacione e, appunto, da talent. Ogni forma di ‘devianza’ è ormai bandita.

(2) Lo stesso discorso vale per un altro bel disco italiano recente, Whales Know The Route di Verdiana Raw.

Recensione: Christine X - Can I Frame The Blue | Recensione Album
7,7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

You may also like...

Lascia un commento!