Deerhunter - Why Hasn’t Everything Already Disappeared?
4AD - 2018

Deerhunter – Why Hasn’t Everything Already Disappeared?

Why Hasn’t Everything Already Disappeared? dei Deerhunter inaugura bene il 2019.

Deerhunter - Why Hasn’t Everything Already Disappeared?

4AD – 2019

Sono passati poco più di tre anni da Fading Frontier, ed ecco i Deerhunter di ritorno, riprendendo molte delle idee di quel disco. Why Hasn’t Everything Already Disappeared? pesca tuttavia  più ampiamente nel suono della band di Bradford Cox così come si è dispiegato da Halcyon Digest in poi. Quel che è certo, ormai, è che i Deerhunter rappresentano una delle realtà del nuovo rock americano, nel quale l’attitudine indie si sposa con la psichedelia, il garage, persino il synth-pop. Why Hasn’t Everything Already Disappeared? è un disco vario, più del precedente, reso sempre riconoscibile dalla voce strascicata ma bella di Bradford Cox.

Marfa, Texas

Registrato in parte nel deserto texano, dalle parti di Marfa, come sembra evocare a tratti il video di Death In Midsummer, si apre proprio con questo pezzo. Atmosfere lisergiche e una melodia quasi beatlesiana per un attacco molto riuscito. Diverse tracce di Why Hasn’t Everything Already Disappeared? possono essere definite una reinvenzione del classico suono americano, del quale peraltro Bradford Cox si è sempre dichiarato grande fan.

 

Why Hasn’t Everything Already Disappeared? un disco cinematografico

Spesso anche i testi di riallacciano a tale tradizione, come nell’evocativa No One’s Sleeping: “No one’s sleeping / Great unrest / In the country / There’s much duress / Violence has taken hold / Follow me / The golden void”. A Marfa, d’altra parte, sono stati girati alcuni classici della cinematografia americana. Ricordiamo The Giant (James Dean è evocato nel brano Plains) e, più di recente, There Will Be Blood e No Country for Old Men.

I Deerhunter cercano ispirazione anche al di fuori dell’America

Tuttavia, Why Hasn’t Everything Already Disappeared? non si esaurisce in questo. La strumentale Greenpoint Gotic richiama addirittura i Tubeway Army, mentre Tarnung ha atmosfere fra Ambient e post-rock. Forse Cox esagera con Détournement, parlato inutilmente pretenzioso. Ma il disco si conclude benissimo con Nocturne, uno dei momenti migliori, nel quale Bradford Cox impiega un cantato spezzettato e filtri per distorcere la voce. Brano notturno come il titolo indica, chiude il disco con una lunga coda strumentale. Concludiamo dicendo che Why Hasn’t Everything Already Disappeared? è registrato molto bene, in questo simile al precedente, e invece lontano dalle ruvidezze di quel Monomania che tanto ci era piaciuto. Nell’insieme, al di là delle preferenze, i Deerhunter sfoggiano ormai un canone ragguardevole e in questo inizio 2019 sembrano pronti a presentarne una ricca sintesi.

Deerhunter - Why Hasn’t Everything Already Disappeared?
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: