Fujiya Miyagi - Artificial sweeteners cover

FUJIYA & MIYAGI – ARTIFICIAL SWEETENERS (Yep Roc – 2014)

Fujiya  Miyagi - Artificial sweeteners cover

 

 di Antonio Vivaldi 

L’elettronica pop è un genere oggi molto frequentato perché piace ai giovani anche non musicofili e offre buone chance commerciali, specie se si azzecca il remix, o il remixer, giusto. Ha un suo lato notturno e solipsista che trova in James Blake la sua figura carismatica e in Sohn la new entry più recente. C’è poi un ambiente più socializzante che inizia la giornata con l’apericena e ha negli Air i padri seri e in Fujiya & Miyagi gli zii simpatici. Dai tempi di Transparent Things il trio di Brighton che si ispira al krautrock dei Can e ama l’elettronica inizio anni ’90 non ha cambiato molto il suo stile danzabile ma lieve e giocoso senza stupidità. Stavolta viene accentuata, ma giusto un briciolo, la dimensione techno, mentre mancano i piccoli tocchi malinconici dei lavori precedenti. Alla fine Artificial Sweeteners non mantiene quel che il titolo promette (degli elettro-Fleetwood Mac? Magari) e l’insieme risulta un po’ monolitico proprio come i Can, che però lo facevano apposta. I guizzi più notevoli arrivano verso la fine, con la finta irrequietezza di Daggers e l’attacco seriale-poco serio di A Sea Ringed with Visions. Un disco piacevole, non fosse che in un ambito concettualmente simile perde secco il confronto con Love Letters dei Metronomy.

   

6,5/10

 

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=h05cqXcWq_o

 Fujiya & Miyagi – Flaws

 

You may also like...

Lascia un commento!