GARBAGE – NOT YOUR KIND OF PEOPLE (V2 2012)

 

di Antonio Vivaldi

Butch Vig si è conquistato fama e royalties imperiture in veste di produttore dei Nirvana (e di Sonic Youth, Green Day e così via). Come uomo-mente dei Garbage si è attenuto alla formula ‘alternative meets mainstream’ che gli ha fatto fare il botto con Nevermind. Il semi-classico lavoro d’esordio (1995) occhieggiava a una furba formula grunge-pop e anche i successivi hanno giocato fra registri noti e meno noti con molta intelligenza (inclusa la figura anoresexy della cantante Shirley Manson) e poco cuore melodico. Insomma, ci sono i suoni, ma mancano i pezzi. Dopo sette anni di assenza discografica, Not Your Kind Of People riconferma che il bello e il brutto (il cattivo, purtroppo, non c’è) del gruppo sono sempre quelli. Automatic Sistematic Habit parte ballabile e truce, a metà fra Crystal Castles e Madonna, però convince meno nel ritornello pop. Lo stesso vale per i due pezzi da singolo I Hate Love e Blood For Poppies: a grandi spunti iniziali non segue un’elaborazione all’altezza. A funzionare bene sono soprattutto i due ‘lenti’ Not Your Kind of People e Beloved Freak, dove i Garbage sembrano non voler dimostrare una qualche bravura specifica e diventano persino sentimentali.

6/10

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.