Ghost Culture-Ghost Culture

GHOST CULTURE – GHOST CULTURE (Phantasy – 2015)

Ghost Culture-Ghost Culture 

di Marina Montesano

Il produttore inglese James Greenwood, aka Ghost Culture, esordisce con un disco omonimo che sta suscitanto non poco interesse perché riesce a unire con una buona dose di maturità un suono vintage con istanze più contemporanee. I fan nuovi e vecchi dei Depeche Mode troveranno sicuramente molti momenti familiari in Ghost Culture, che tuttavia filtra l’esuberanza dance attraverso una lente “matematica” (o “metamatica”) che non sarebbe dispiaciuta a John Foxx. Greenwood ha una voce suadente e i brani cantati sono anche quelli più interessanti e compiuti. A tratti il disco ha un’eleganza sobria che colpisce, magari senza troppo emozionare (Mouth, Giudecca); altrove (How, ma soprattutto The Fog e Glaciers) Ghost Culture prende la strada della ballata nostalgica a dispetto dell’elettronica, e lascia intravedere un talento che potrebbe svilupparsi in varie direzioni.

7,6/10

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

httpv://www.youtube.com/watch?v=pN6RJKp2knA

Ghost Culture – Giudecca

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.