iceage-plowing-into-the-field-of-love

ICEAGE – PLOWING INTO THE FIELD OF LOVE (Matador – 2014)

iceage-plowing-into-the-field-of-love

Gli Iceage sorprendono con il nuovo disco

Avevamo segnalato il secondo disco degli Iceage, band di Copenhagen, lo scorso anno, apprezzandone l’attitudine hardcore punk tutt’altro che scontata. Poi qualcuno deve aver regalato al cantante e leader del giovanissimo quartetto, Elias Bender Rønnenfelt, i dischi dei Gun Club e del primo Nick Cave, quello appena uscito dai Birthday Party, e tutto (o quasi) è cambiato. Plowing Into The Field Of Love mette decisamente da parte l’hardcore, almeno come stile, se non come attitudine, per proporci dodici ballate con tanto di piano e arrangiamenti. I riferimenti principali li abbiamo già nominati e, va detto, sono pesanti: non solo per lo status degli artisti, ma anche perché gli Iceage non si limitano a richiamarli vagamente.

 

Operazione pericolosa, insomma, ma i quattro danesi riescono a dare il proprio contributo su quella scia grazie ad alcune composizioni molto belle: soprattutto il cuore del disco, dove la struggente Glassy Eyed, Dormant And Veiled e la successiva Stay sono imperdibili, ma il country demente di The Lord’s Favorite e la ballata pianistica Against The Moon viaggiano ugualmente su livelli estremamente alti.

8,4/10

 

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.