interpol-el-pintor-rocklab

INTERPOL – EL PINTOR (Matador – 2014)

interpol-el-pintor-rocklab

di Marina Montesano

Non credo fossero in molti ad aspettarsi un ritorno in forma per gli Interpol dopo la delusione dell’omonimo ultimo disco uscito ormai quattro anni fa; e a dire il vero tutto il movimento nu-post-punk al quale la band newyorkese aderiva sembra ormai troppo e precocemente invecchiato per meritarsi appellativi come “nu” e “post”. Ma al contrario degli Editors, Paul Banks e soci ci provano ancora e con El Pintor (in spagnolo il pittore, ma anche un anagramma del nome della band) sfornano un quinto disco molto più che dignitoso. Lo fanno, tra l’altro, tornando all’ispirazione degli esordi: è un disco di pop virato verso toni oscuri, che non potrà che entusiasmare i molti fan ormai orfani di questo genere di atmosfere. E’ anche un disco con qualche manierismo di troppo, ma sa picchiare (All The Rage Back Home, Anywhere), non manca di costruzioni chitarristiche interessanti (My Desire) e sa farsi a tratti epico (Breaker 1: con una curiosa coda parlata in italiano o italoamericano). Chi non ha amato Antics non li scoprirà con El Pintor, ma per tutti gli altri un piacevole ascolto.

7,3/10

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter:

https://twitter.com/Tomtomroc

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=-u6DvRyyKGU
Interpol – All The Rage Back Home

You may also like...

Lascia un commento!