JACK WHITE – BLUNDERBUSS (Third Man Records – 2012)

Le molte facce di Jack White

Jack White è stato in questi anni uno fra i musicisti-compositori più prolifici: con i White Stripes, naturalmente, oltre che con i Raconteurs e i Dead Weather; per non parlare poi della sua attività di produttore e di promotore di musica e di artisti, nuovi e del passato. Curioso allora aver dovuto attendere tanto per avere un suo LP solista: diciamo subito che ne valeva la pena, non perché sia un disco rivoluzionario rispetto alla sua discografia precedente, ma perché arriva a ricordarci come in questa feconda carriera Jack White abbia firmato ben più di un classico e si sia inscritto di diritto nella grande tradizione del blues e del r’n’r americani.

Jack white torna con Blunderbuss

Se, come si è letto, Blunderbuss è un disco post-divorzi (dai White Stripes, dalla moglie), bisogna dire che questi non hanno ispirato sentimenti di maliconia, perché sdegno, rabbia e una bella vitalità percorrono tanto i testi quanto la musica.

 

Musica che, contrariamente a quello che sarebbe lecito aspettarsi da un virtuoso della chitarra, è piuttosto basata sugli arrangiamenti pianistici, sebbene le eccezioni non manchino. L’esplosiva Sixteen Salteens e la lirica Weep Themselves risultano ai primi ascolti i brani vincenti, ma è l’insieme a convincere e a confermare Jack White come uno dei grandi protagonisti della musica contemporanea.

8/10

print

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.