Jake Bugg

JAKE BUGG – SHANGRI LA (Mercury – 2013)

Jake Bugg

di Marina Montesano

Lo scorso anno l’esordio di Jake Bugg aveva diviso: da una parte quanti ne incensavano la freschezza, dall’altra i detrattori di una proposta ritenuta troppo revivalista e banale. Ma il disco era finito in cima alla classifica UK e il diciottenne era divenuto un piccolo fenomeno neo-pop-folk. Stupisce un seguito così rapido; già dal primo disco si evincevano facilità compositiva e un bell’orecchio melodico, il che deve aver fatto optare per la strategia di battere il ferro finché è caldo: il martello potrebbe essere la produzione di Rick Rubin, chissà se voluto da Bugg o dalla sua casa discografica. Shangri La, comunque, non risente in modo eccessivo della novità: rispetto al passato, il suono evolve verso una dimensione più energica e verso arrangiamenti più complessi, con risultati spesso interessanti. Nella prima direzione vanno brani come la punkeggiante What Doesn’t Kill You e Slumville Sunrise (accompagnata da un bel video del regista di This Is England, Shane Meadows), nella seconda l’ottima Kitchen Table. La vena melodica di Jake sembra lungi dal volersi prosciugare, e gli acquerelli gentili del primo disco vengono replicati in diversi episodi: su tutti Me And You. Insomma Shangri La non è la ‘svolta elettrica’ e neppure una rivoluzione, ma certo una bella conferma di un compositore non ancora ventenne.

8/10

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter:

https://twitter.com/Tomtomroc

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=p4wTRbW0aos

Jake Bugg – Slumville Sunrise 

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.