kasabian-48-13-album-cover

KASABIAN – 48:13 (Columbia/Sony – 2014)

kasabian-48-13-album-cover

 

All’inizio del concerto parigino di poche settimane fa (http://www.tomtomrock.it/concerti/422-kasabian-paris-bataclan-30-aprile-2014.html) i Kasabian hanno esordito sul palco suonando l’attacco di Black Skinhead di Kanye West, poi trasformata nel primo pezzo del loro nuovo disco, Bumblebeee; il che sembrava andare di pari passo con le interviste nelle quali dichiaravano l’ammirazione per Yeezus e annunciavano l’intenzione di portare la loro musica in una nuova direzione. L’ascolto di 48:13 suggerisce che nelle parole di Pizzorno & co. c’era soltanto una mezza verità, nel senso che il loro nuovo disco ha certamente una dimensione meno rock di Velociraptor e fa invece largo impiego di cadenze e strumentazioni elettroniche, ma allo stesso tempo è un disco pienamente in linea con il marchio di fabbrica Kasabian: e questa sarà sicuramente una buona notizia per i fans. Anche le tendenze electro di 48:13, più che rinviare a Kanye West, fanno pensare a loro canzoni degli esordi come L.S.F. e Underdog.

48:13 inizia con due dei brani migliori, la già citata Bumblebee e Stevie, entrambe attrezzate di melodie che lasciano il segno al primo ascolto; e anche questo fa parte del marchio di fabbrica Kasabian, al pari dell’andamento simpaticamente demente di Doomsday. La psichedelia sognante è ben presente in Glass, con i suoi arrangiamenti orchestrali, mentre il singolo Eez-Eh, pur non essendo la loro canzone più memorabile, sembra fatta “to keep you up all night”, come recita il testo. Nel finale, Bow e S.P.S. sono forse i momenti più deboli. Nell’insieme il disco risulta meno esplosivo e compatto di Velociraptor, non c’è dubbio, ma i suoi 48:13 si ascoltano con grande piacere, attestando i Kasabian al vertice del Brit rock contemporaneo.

KASABIAN – 48:13
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.