Kasabian - For Crying Out Loud

Recensione: Kasabian – For Crying Out Loud

Kasabian – For Crying Out Loud.

Kasabian - For Crying Out Loud

Columbia / Sony 2017

I Kasabian, amati in Italia forse più che in patria, sono oggi fra i non numerosissimi interpreti di un brit-rock doc. Il recente For Crying Out Loud li conferma in questo ruolo, ancor più del precedente 48:13. Rispetto al quale mettono da parte le lievi sperimentazioni di synth e tornano a un suono più tradizionale.

Gli ultimi dischi dei Kasabian

Nella recensione di 48:13 mi era sembrato di individuare qualche momento debole, ma in un giudizio nel complesso molto positivo. Purtroppo, va detto che il disco non è invecchiato troppo bene. Nel senso che di rado, se non mai, mi è venuta voglia di riascoltarlo. Cosa che certo non si può dire per i loro dischi più vecchi, soprattutto West Ryder Pauper Lunatic Asylum e Velociraptor. Ma la colpa non è dei synth, quanto della qualità delle composizioni. Come alla fine dimostra anche questo For Crying Out Loud.

For Crying Out Loud: un disco alterno

Non che For Crying Out Loud sia un brutto disco. I singoli di presentazione, francamente, lasciavano temere il peggio. E le prime quattro canzoni, inclusa You’re In Love With A Psycho, sono piuttosto generiche tanto nella scrittura quanto nell’esecuzione. Un po’ di brit, un po’ di glam e via senza troppo impegno. Fortunatamente, le cose cambiano quando si arriva al centro del disco. Wasted, Comeback Kid e The Party Never Ends, sostanzialmente tre ballate, alzano decisamente il tiro e ci mostrano di cosa sono ancora capaci, melodicamente, i Kasabian.

Poi un finale alterno, dove un altro brano generico, questa volta di ispirazione madchester, Are You Looking For Action?, trova un buon contraltare nella beatlesiana All Through The Night.

Un produttore per i Kasabian?

Forse i Kasabian avrebbero bisogno di qualche novità. Gli ultimi dischi sono stati prodotti dal solo Sergio Pizzorno, che in passato era stato invece affiancato da altri. In modo particolare, West Ryder Pauper Lunatic Asylum e Velociraptor avevano goduto dell’apporto notevole di Dan The Automator. Nonostante For Crying Out Loud costituisca un ascolto più che piacevole, si ha la sensazione che i Kasabian giochino ormai troppo sul sicuro. Per ora funziona ancora, ma….

Kasabian - For Crying Out Loud
6,7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: