marques toliver

MARQUES TOLIVER – LAND OF CANAAN (Bella Union – 2013)

marques toliver

di Antonio Vivaldi

Quando di un giovane artista viene messa in evidenza la biografia interessante, quando delle sue canzoni si menziona la valenza socio-culturale, quando  la sua seconda attività è quella di fotomodello, quando, infine, a lui s’interessa persino la stampa generalista italiana, è chiaro che c’è odor di hype.  Questo però non deve far andare all’ascolto con il freno zitellescamente tirato. L’hype è da sempre connaturato al mondo rock,  lo ha reso scandalistico oppure letterario e non va dimenticato che artisti di grande talento come James Blake o il povero Jeff Buckley sono nati anche come ‘personaggi’.

Il ventiseienne Marques Toliver   arriva nel 2007 a New York da Daytona Beach,  suona il violino nelle strade della città per poi diventare uno dei nomi più quotati della scena molto alla moda  di Brooklyn e quindi trasferirsi a Londra (dove continua fare il sexy busker). Dopo un ep pubblicato nel  2011, Land Of CanAan è un primo album  che lascia il segno e lascia anche qualche piccolo dubbio. Ispirato alla figura del politico abolizionista ottocentesco Frederick Douglass, il disco è una sequenza di brani soul-pop  intelligenti e quasi tutti dalle notevoli  potenzialità commerciali per un risultato d’insieme fluido, suadente e in qualche passaggio entusiasmante. Al tempo stesso si percepisce però una certa piacioneria sottotraccia, la voglia di evitare complicazioni a livello sia di arrangiamenti (anche se il violino fornisce pregevoli tocchi) sia di melodie. Se, ad esempio, Try Your Best è perfetta così com’è, a Something Wrong servirebbe un po’ di benzina funk alla Prince. Ecco, si potrebbe dire che, come Childish Gambino è nel rap la controparte a modo di Tyler The Creator, nel soul Marques Toliver è la versione solare delle complicazioni notturne di Frank Ocean. In futuro Land Of CanAan potrebbe anche essere ricordato  come un classico fra gli lp d’esordio e allora meglio non esagerare con le critiche – qualche pignolino che poi  te le rinfaccia spunta sempre. 

7,7/10

 

Per discuterne:

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

httpv://www.youtube.com/watch?v=K2cWdb6N4rg

Marques Toliver – Control

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.