mudhoney

MUDHONEY – VANISHING POINT (Sub Pop – 2013)

mudhoney

di Antonio Vivaldi

I Mudhoney erano i duri e puri del grunge, mentre Nirvana, Screaming Trees e Pearl Jam rappresentavano l’ala creativa, anche dal punto di vista finanziario, del movimento. Oggi Nirvana e Screaming Trees non ci sono più (i primi in più di un senso), mentre i Pearl Jam sono una valida band mainstream che fa un disco ogni tanto. I Mudhoney invece restano sempre loro: aspri e rabbiosi come ai tempi dell’epico-straziante singolo Touch Me I’m Sick e solo un po’ più attenti ai suoni e alla produzione. Vanishing Point festeggia le nozze d’argento del gruppo con il garage punk (il grunge nemmeno lo si nomina più) e snocciola dieci pezzi al solito tonici e sardonici che dimostrano una sapiente gestione del rapporto fra mezza età e adrenalina. Per affetto (nostro) e meriti acquisiti (loro), già per questo ci si potrebbe tranquillamente accontentare; in realtà Mark Arm e i suoi stavolta ci mettono qualcosa in più: almeno metà delle canzoni risultano strutturalmente magistrali (magari senza volerlo) e spiegano  ai giovani come si accosta un riff  a un ritornello breve ed efficace, magari inserendo  versi socialmente pregnanti (I Like It Small, Chardonnay) o aggiungendo un tocco apocalittico (In This Rubber Tomb) o epico (Sing This Song of Joy) – il tutto sempre in tre minuti al massimo. Se ai Mudhoney  dicessimo “siete dei maestri”, probabilmente si metterebbero a ridere, però questo sono: bravi maestri di musica cattiva e sana. 

Il disco esce il 1° aprile. 

 

7,5/10

httpv://www.youtube.com/watch?v=qreEZ6oNB3A

Mudhoney – I Like It Small

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.