neil-young-a-letter-home

NEIL YOUNG – A LETTER HOME (Third Man – 2014)

neil-young-a-letter-home

di Fausto Meirana

Il paladino del suono puro, nemico degli mp3 a bassa fedeltà e creatore di un sistema di audio portatile ad essi antagonista, con un’impagabile giravolta delle sue si beffa ancora una volta del suo ostinato e paziente pubblico; Il nuovo disco di Neil Young, A Letter Home, è una raccolta di cover registrate in una di quelle cabine che si usavano nell’America degli anni ‘40 per incidere dischi di auguri dedicati alla famiglia o ai parenti. Il risultato è aspro e bizzarro, con il suono sporco della chitarra, o del piano, che sembrano uscire dal vecchio Geloso della nostra infanzia o dalla radiolina ‘a transistor’ custodita nella giacca per sentire i risultati di calcio. Un moderno bootleg, dunque, fortemente desiderato in questa forma dall’imprevedibile canadese con il determinante aiuto, diciamo ‘tecnologico’, di Jack White. I brani sono certamente significativi, a partire dalla Changes di Phil Ochs o dall’immortale Reason To Believe di Tim Hardin, passando per il doppio omaggio a Willie Nelson (Crazy e On The Road Again) e Gordon Lighfoot (Early Mornin’ Rain e If You Could Read My Mind), ma il picco è la straziante versione di Needle Of Death dal repertorio del chitarrista inglese Bert Jansch, che poco prima di morire andò in tournée proprio con Neil Young.

7/10

 

 

Seguiteci su Facebook:

https://www.facebook.com/pages/TomTomRock/564881650275629

https://www.facebook.com/groups/282815295177433/

e su Twitter: 

https://twitter.com/Tomtomroc

 

httpv://www.youtube.com/watch?v=6H47jI6xanA

Neil Young – Needle Of Death

print
tomtomrock

Written by

TomTomRock è un sito di articoli, recensioni, classifiche, interviste di musica senza confini: rock, indie, pop, hip-hop.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.