Alasdair Roberts, Amble Skuse & David McGuiness - What News | Recensione
Drag City - 2018

Recensione: Alasdair Roberts, Amble Skuse & David McGuinness – What News

Il folk multiforme di Alasdair Roberts.

Alasdair Roberts, Amble Skuse & David McGuiness - What News | Recensione

Drag City – 2018

Nel caso abbiate già un’idea dell’ormai ampia discografia di Alasdair Roberts, saprete che comprende dischi anche molto diversi tra loro. Alcuni sono di relativo facile ascolto (il pimpante folk-rock del recente Pangs),  altri meno (come  l’oscuro Spoils di alcuni anni fa). Prima di questo lavoro in trio, il cantautore scozzese  era stato impegnato in altre collaborazioni, come quella quasi antropologica con il poeta Robin Robertson (Hirta Songs) o la più recente ed esclusiva con il polistrumentista James Green (il progetto ‘art’ in edizione limitata denominato Lapwing). Buoni frutti ha dato anche l’unione con altri musicisti nel gruppo The Furrow Collective con due dischi tra il 2014 e il 2016.

I tre approcci alla musica tradizionale di What News

What News fa convergere tre differenti approcci alle ballate tradizionali; quello vocale dello stesso Roberts, che qui tralascia la chitarra  per il microfono (quasi del tutto, visti gli svolazzi elettrici del primo brano); quello pianistico e parecchio accademico del pianista David McGuinness, che usa anche altri tipi di tastiere acustiche, e infine la novità elettronica portata dalla performer e ‘sonologista’ Amble Skuse, con suoni, campionamenti e rumori ad occupare  gli spazi in modo totalmente originale e straniante.

Alasdair Roberts  e una voce sempre molto espressiva

In questo lavoro l’intensità del cantato di Roberts è più convincente che mai e le canzoni, tutte tradizionali, non sono troppo sfruttate (e nemmeno troppo allegre, occorre aggiungere). Il pianismo cadenzato di McGuinness, al contrario, richiede un po’ di adattamento, ed è piccolo sollievo quando viene sostituito dal Dulcitone (una specie di vibrafono a tasti, grosso modo) o dall’organo. Molto interessante, infine,  l’apporto delle diavolerie elettroniche della Skuse,  seppur con qualche riserva. Ottime e discrete quando agiscono per rafforzare atmosfere e sensazioni,  risultano meno efficaci (ma più coraggiose) negli  aspetti ritmici come il battito ‘a macchina da scrivere’ dell’iniziale The Dun Broon Bride.  Quanto all’inserimento di una  bizzarra pioggia sintetica sullo sfondo della drammatica ballata Babylon, lasciamo il giudizio a chi ascolterà il disco….

Alasdair Roberts, Amble Skuse & David McGuiness - What News
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.