Angel Olsen - All Mirrors
Jagjaguwar - 2019

Recensione: Angel Olsen – All Mirrors

All Mirrors: tutti gli specchi di Angel Olsen.

Angel Olsen - All Mirrors

Jagjaguwar – 2019

Al diavolo le chitarre, le cover di Springsteen e anche il country sbilenco di Bonnie ‘Prince’ Billy! Nel suo nuovo disco Angel Olsen prova  ad usare suoni sintetici e orchestrazioni elaborate. L’ombrosa cantautrice del Missouri ci aveva lasciato con un album di scarti e b-sides, Phases, nel 2017, un riempitivo o poco più.

Invece il precedente My Woman aveva segnato un punto di arrivo importante al quale poteva essere difficile, forse, dare un degno seguito. Di conseguenza la Olsen ha cercato una strada diversa per il nuovo album; il che ha prodotto una serie di registrazioni in perfetta solitudine, in un angolo nascosto dello stato di Washington,  per quello che si sarebbe trasformato in All Mirrors.

Le trasformazioni in corso d’opera di All Mirrors

Prima o poi quelle versioni primitive usciranno in qualche forma: compilation, deluxe edition o chissà che… c’è senz’altro da aspettarselo. Nella versione definitiva delle canzoni, invece, un potente muro di suono orchestrale domina, soprattutto, la ‘prima facciata’ dell’album. Gli arrangiatori, Ben Babbitt and Jherek Bischoff, hanno scelto stili che si ispirano alla coda finale di A Day In The Life dei Beatles, quasi citata sul ‘singolo’ Lark,  e ai grassi arrangiamenti orchestrali di David Campbell per i due dischi gemelli (Sea Change/Morning Phase) del figlio, il cantautore Beck. Naturalmente ci sono eccezioni importanti come in Spring,  una deliziosa canzoncina alla McCartney che origina da un pianoforte proprio tanto  Hey Jude e sposta un po’ il focus della scaletta.

Angel Olsen multiforme e sensuale

Atmosfere da soundtrack di alto livello affiorano invece in brani come Impasse, o nella seguente Tonight (la prima sembra uscita  da uno 007 dell’era Daniel Craig, la seconda da  un qualsiasi algido Lynch). In fondo al disco, a confondere ancora, due struggenti ballate da American Songbook, Endgame e Chance,  vestite di  archi più tradizionali, con la voce ad alto livello di sensualità.

Come  gli specchi del titolo, le diverse personalità dei brani generano immagini  piuttosto diverse. Una piacevole e confusa varietà per un’artista sempre più consapevole e audace.

Angel Olsen - All Mirrors
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.