Ask The White - Sum and Subtraction
AOR - 2018

Recensione: Ask The White – Sum and Subtraction

Il debutto di Ask The White –  Sum and Subtraction.

Ask The White - Sum and Subtraction

AOR – 2018

Salutiamo con grande piacere questa nuova creatura uscita dalla funambolica fucina artistica che tra Arezzo e il Casentino ha dato vita a progetti interessantissimi come Sycamore Age, Walden Waltz e Ant Lion. Proprio da questi ultimi trae origine il duo degli Ask The White, qui al debutto. È stato infatti durante le registrazioni di A Common Day Is Born che la cantante e artista Isobel Blank e il musicista e compositore Simone Lanari hanno dato vita al loro sodalizio artistico.

Ask The White - Sum and Subtraction

A un primo ascolto l’elemento che più rimane impresso del disco è naturalmente la bella e calda voce di Isobel Blank, capace di disegnare uno spettro emozionale vario e affascinante, dove dolcezza, malinconia, rabbia, sogno, immaginazione si alternano con naturale eleganza. Quella della Blank è una  voce che attraverso le varie modulazioni esprime un’interiorità complessa nella quale l’esperienza onirica e la realtà si sovrappongono e confondono. Il canto diventa così uno scavare nel profondo dell’io, in questo simile alla ricerca di artiste del Nord Europa come Jenny Hval o Fever Ray, oltre naturalmente a Björk. Ma in Isobel le asperità tormentate di queste ultime sono rese più lievi da una morbidezza mediterranea.

Sum and Subtraction, un disco di folk minimalista

Sum and Subtraction è un album ascrivibile al folk intimo e minimale, impreziosito da arrangiamenti molto equilibrati ed eleganti, che se da un lato assecondano le evoluzioni della voce di Isobel, dall’altro introducono momenti spiazzanti e sorprendenti. L’uso sia delle chitarre acustiche che dell’elettronica, dei campionamenti, degli effetti e degli strumenti, spesso campionati, non è mai banale o scontato. Il duo ha un’attitudine sperimentale che rende l’album qualcosa di più che una semplice raccolta di pur belle canzoni folkeggianti.

Le canzoni di Sum and Subtraction

L’iniziale You Cloud è così ricca di spunti e di trovate espressive che lascia incantati fin dall’inizio ipnotico e circolare e sorprende per il suo dilatarsi in una serie di sonorità elettroniche inquiete in sintonia con un testo che parla di nuvole, di lacrime, di abbandono e di andare alla deriva. Neither a Moon è lirica e nervosa al contempo. Just Make Me To ha un arrangiamento che mescola sentori glitch e post rock. A Millionaire Tree e Fall  sono due incantevoli canzoni di ammaliante dolcezza psichedelica dalla forte connotazione onirica e fiabesca.

 

The Battle of the Happy Claustorm on Two Strings è frenetica, carica di tensione, con un drumming nervoso in evidenza. Il fingerpicking ridiventa protagonista in Remember the Future, che dopo un inizio quieto prorompe in modo lacerante nel finale, e nella conturbante e bellissima I’m Not The Place che disegna inasptetati paesaggi grazie anche alle percussioni tribali inserite nel finale. Chiude, quasi una catarsi, il canto breve e intenso di Known, praticamente quasi solo voce a chiudere il viaggio e consegnarci a un silenzio che è ancora pieno dei suoni e delle emozioni di un disco che difficilmente lascia indifferenti e del quale non è difficile innamorarsi al primo ascolto.

Ask The White - Sum and Subtraction
7.5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Ignazio Gulotta

Written by

Nato nel 54 a Palermo, dal 73 vive a Pisa. Ha scritto di musica e libri per la rivista online Distorsioni, dedicandosi particolarmente alla world music, dopo aver lavorato nel cinema d’essai all’Atelier di Firenze adesso insegna lettere nella scuola media.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: