Billy Bragg - Bridges Not Walls | recensione
Cooking Vinyl - 2017

Recensione: Billy Bragg – Bridges Not Walls

Una raccolta dei recenti singoli ‘politici’ di Billy Bragg.

Billy Bragg - Bridges Not Walls | recensione

Cooking Vinyl – 2017

Alla stregua del suo grande maestro, Woody Guthrie, anche a Billy Bragg riesce facile  intervenire sull’attualità con acuta prontezza, facendo uscire canzoni nuove ogni volta che i temi sociali o politici lo richiedono. I sei brani contenuti in questa raccolta  sono apparsi uno dopo l’altro come singoli (a partire dal luglio scorso) e alcuni di essi sono stati eseguiti nella tournée italiana della scorsa estate.

Bridges Not Walls  fra rabbia, ironia e disillusione

Il formato ridotto, mini lp in questo caso, è  stato utilizzato con frequenza dal cantautore inglese fin dall’esplosivo debutto con Life’s a Riot with Spy vs Spy del 1983. Da allora non è cambiato molto nel  mondo. La vita è sempre una lotta, e le spie, magari di diverso tipo, ci sono ancora… In Bridges Not Walls Bragg dice la sua sui temi più urgenti: la mancanza di governi credibili, le emergenze sociali e  ambientali, l’immigrazione e il controverso referendum inglese. E ritroviamo sia  il folksinger arrabbiato degli anni thatcheriani che  il Bragg più maturo, un po’ deluso e amareggiato, degli anni  recenti.

Billy Bragg dice la sua su Brexit e altro

Nel  brano dedicato alla Brexit (Full English Brexit) il   punto di vista è quello  ottuso  del sostenitore medio della ‘fuga’ inglese  dall’Europa. Tra il piano che accompagna la melodia e la causticità del testo, sembra di ascoltare un Randy Newman britannico. L’unico titolo non composto da Bragg è probabilmente il migliore della raccolta. Si tratta di Why We Build The Wall, firmato qualche anno fa della cantautrice americana Anaïs Mitchell. Epica e potente, è un fortissimo monito contro tutti i muri, scritto, in origine,  per stigmatizzare l’ampliamento  della barriera tra Stati Uniti e Messico.

Alla soglia dei sessanta (li compirà il 20 dicembre)  per Billy Bragg c’è tanto lavoro da fare. L’intento  è utopico ma sempre necessario: rivoltare il mondo come un calzino.

Billy Bragg - Bridges Not Walls
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

You may also like...

Lascia un commento!