Chaka Khan - Hello Happiness
Diary/Island - 2019

Recensione: Chaka Khan – Hello Happiness

Hello Happiness! canta Chaka Khan dopo un periodo buio.

Chaka Khan - Hello Happiness

Diary/Island – 2019

 Sconvolta dalla scomparsa dell’amico Prince, nel 2016 Chaka Khan annunciò che sarebbe entrata in riabilitazione per sconfiggere la dipendenza da quegli stessi antidolorifici che avevano causato la morte del folletto di Minneapolis. Tre anni dopo ecco il disco che ne annuncia il ritorno alla vita. Le qualità terapiche della musica sono esaltate fin dal primo brano che dà titolo al disco (“Music makes me say goodbye sadness, hello happiness”); e trattandosi di un’artista nata in una delle patrie del blues, a Chicago, ecco il refrain a rimarcare il concetto: “Take me back to the dancefloor, so I can dance away my blues”.

 

Chaka Khan tra funk e blues

I restanti sei brani (il disco è davvero breve, non arriva a mezz’ora) sembrano voler riannodare il discorso là dove si era interrotto: il grido funk di Yvette Marie Stevens (questo il suo nome prima che lo ‘traducesse’ a 13 anni in lingua Yoruba) è sempre inarrivabile (Like a Lady), l’anima blues esplode in Too Hot, anche se sulla produzione di Switch (ex Major Lazer) e Sarah Ruba appare lecito nutrire qualche dubbio.

 

Qualche dubbio sulla produzione di Hello Happiness, che si chiude troppo presto

Di sicuro, come spesso accade, manca la canzone capace di stupire fin dal primo ascolto: considerato che la signora ha avuto tra i suoi autori Stevie Wonder (Tell Me Something Good, 1974), Ashford & Simpson (I’m Every Woman, 1978) o il già citato Prince (I Feel for You, 1984), il confronto rischia di diventare impietoso. Meglio non azzardarlo soprattutto di fronte al dubstep di Isn’t That Enough, mentre Ladylike, con una intro di chitarra alla Doobie Brothers sulla risacca del mare, chiude dignitosamente il disco del ritorno.

Chaka Khan - Hello Happiness
7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Danilo Di Termini

Written by

Da ragazzo ho passato buona parte del mio tempo leggendo libri e ascoltando dischi. Da grande sono quasi riuscito a farne un mestiere, scrivendo in giro, raccontando a Radio3 e scegliendo musica a Radio2.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: