Cowboy Junkies - All That Reckoning | Recensione Tomtomrock
Proper - 2018

Recensione: Cowboy Junkies – All That Reckoning

I Cowboy Junkies e il fascino dell’immutabilità.

Cowboy Junkies - All That Reckoning | Recensione Tomtomrock

Proper – 2018

Persi di vista dai tempi del folgorante successo di The Trinity Sessions (una chiesa, un solo microfono e un gruppo all’epoca quasi esordiente)  in realtà i Cowboy Junkies hanno generato una lunga discografia, di qualità piuttosto alta ma troppo uniforme. Fin dal debutto con  Whites Off  Earth Now!!  i fratelli Timmins (Margo alla voce, Michael alla chitarra, Peter alla batteria più  Alan Anton al basso) hanno mischiato brani originali con rifacimenti di buon gusto: Bruce Springsteen, Lou Reed, Neil Young, Patsy Cline e così via… Per buon peso, nel 2011, la band canadese ha inciso un intero album dedicato alle canzoni del grande e sfortunato cantautore Vic Chesnutt, il bellissimo Demons.

All That Reckoning arriva dopo sei anni di silenzio discografico

Dopo sei anni di pausa dal  precedente The Wilderness, i Cowboy Junkies si presentano con un album di originali, in studio, ma registrato dopo anni di incessanti esibizioni dal vivo, e si sente.. All That Reckoning  si propone come  un lavoro solido, forse anche solito, nel senso che nulla cambia nell’assetto delle composizioni, almeno all’inizio della scaletta. Pochi accordi di chitarra e basso, la voce che racconta con una intensità ormai riconoscibile, resa appena più aspra dal passare degli anni. Il disco prosegue più o meno così, con brani di ottimo spessore,  avvolgenti e oscuri. Con Sing Me A Song però, entrano chitarre un po’ più acide e  la batteria si lascia andare. In questa versione, la parentela con gli Walkabouts (quando la voce era quella di  Carla Torgerson) si fa positivamente  avvertire.

 

All That Reckoning chiude in crescendo, con l’omonimo brano (seconda parte) grondante di distorsioni elettriche e un  incedere  epico che può vagamente ricordare i Low. Il commiato è affidato a The Possessed, un delizioso episodio acustico per  mandolino, voce e  piccole percussioni che cita più volte il diavolo. Un personaggio che nel rock, si sa, c’entra sempre.

Cowboy Junkies - All That Reckoning
8 Voto Redattore
Voto Utenti 0 (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.