David Gray - Gold In A Brass Age Recensione Tomtomrock
Awal-Lht - 2019

Recensione: David Gray – Gold In A Brass Age

Dopo cinque anni di silenzio torna David Gray.

David Gray - Gold In A Brass Age Recensione Tomtomrock

Awal-Lht – 2019

Il  peccato originale di David Gray è stato il grande successo di White Ladder, il disco del 1998 che conteneva Babylon, brano con cui  il musicista inglese centrava il difficile mix tra pop e canzone d’autore. Da lì in poi il suo percorso artistico è stato coerente: un ovvio cd di canzoni accantonate (Lost Songs 95-98) e  un seguito un po’ dimesso, ma di grande spessore emotivo, come A New Day At Midnight, uscito dopo la morte del padre.

La carriera di David Gray dopo il 2000

Con Life In Slow Motion, (2005)  Gray firma un disco molto patinato, tra orchestra e lustrini, ma sempre di buon livello. I seguenti Draw The Line e Foundling non convincono del tutto, ma con Mutineers (2014) il nostro sforna un ottimo disco, grazie anche al contributo del produttore Andy Barlow e la sua elettronica.

I cinque anni trascorsi tra Mutineerso e Gold In A Brass Age sono per Gray l’intervallo più lungo tra un disco e l’altro; forse il cambio di casa discografica e la ricerca di nuove atmosfere sonore ne sono  i motivi. L’incontro col produttore Ben De Vries ha generato gli undici brani modellandoli al cospetto di un suono elettronico piuttosto denso, con risultati affascinanti, ma alterni.

Le canzoni di Gold In A Brass Age

Il programma comincia benissimo con l’infilata di The Sapling, Gold In A Brass Age e Furthering. Qui la sperimentazione funziona bene, con l’algido coro quasi gospel del brano d’apertura, i saltellanti suoni campionati della title-track e gli sparsi tocchi di autotune alla Lambchop di Furthering. Piu in là nella tracklist qualcosa funziona meno bene e canzoni come l’interminabile Hurricane Season, con tanto di cantante d’opera, avrebbero beneficiato di un trattamento più semplice. Siamo comunque di fronte ad un disco onesto e piacevole, a dispetto di alcuni brani deboli, come It’s Late e Hall Of Mirrors, che sbandano in un pop un po’ banale.

David Gray - Gold In A Brass Age
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.