Douglas Dare – Aforger Recensione
Erased Tapes – 2016

Recensione: Douglas Dare – Aforger

Douglas Dare – Aforger Recensione

Erased Tapes – 2016

Elegante e cerebrale, ma anche squisitamente pop: Douglas Dare con il suo secondo disco Aforger si impone sulla scena inglese ma dovrebbe piacere anche nel resto d’Europa.

Aforger è un secondo disco molto riuscito

La sua è infatti una musica che povrebbe far centro in più direzioni. Giovane pianista e compositore dell’Inghilterra provinciale (arriva da Bridport, nel sud-ovest), aveva esordito nel 2014 con Whelm. Aforger rappresenta però un deciso passo in avanti. Le canzoni sono meglio strutturate e a tratti davvero brillanti. I territori nei quali Douglas Dare si muove potrebbero interessare i fan di personalità/band disparate come Radiohead, James Blake e Antony.  Mediati, però, da un gusto per la melodia pop piuttosto classico, nonostante incida per la sperimentale Erased Tapes. E nonostante la copertina. Si deve aggiungere che quasi tutti i brani sono strutturati al piano e intorno a piano, strumento di elezione per Dare. Sebbene synth e programming non manchino. Infine, una voce con reminiscenze di David Sylvian. Almeno a momenti: ed è già tanto.

Douglas Dare: una voce leader nel pop electro contemporaneo

La verve sperimentale si avverte a tratti. Per esempio in Edge e nell’intensamente personale Oh Father. Che, pur riuscite, non ci paiono tuttavia i momenti migliori. Il talento compositivo di Dare emerge invece in alcune perle di pop raffinato. Su tutte, New York e la conclusiva Rex sono davvero preziose. Nella prima, una storia d’amore si riflette nelle luci e nei luoghi della città. Niente di nuovo, certo, ma la voce è bella e suadente, la melodia minimalista e perfetta. Più misteriosa Rex: storia di un abbandono o forse del mito edipico. Comunque una splendida conclusione per il disco.

Ma i pregi di Aforger non si esauriscono qui. Doublethink, in apertura, dà subito un’idea del tono del disco. Greenhouse è sognante. Stranger costruita su arrangiamenti di fiati (sintetici) molto belli. Thinking Of Him potrebbe essere epica se non fosse per gli arrangiamenti minimalisti. Nel complesso Aforger è un disco profondamente malinconico che tuttavia evita accuratamente la noia. Ed è anche una prova consistente che impone Douglas Dare come una delle voci più interessanti del pop electro contemporaneo.

Douglas Dare – Aforger
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

You may also like...

Lascia un commento!