Eminem – Kamikaze
Aftermath / Shady / Interscope - 2018

Recensione: Eminem – Kamikaze

Disco Kamikaze per Eminem.

Eminem – Kamikaze

Aftermath / Shady / Interscope – 2018

A sorpresa, lo scorso venerdì, Eminem ha pubblicato un nuovo disco. Kamikaze esce per ora in digitale, ma sarà disponibile fra non molto in vinile e cd. Insomma è un disco ‘vero’, non un mixtape, ed Eminem deve averci pensato bene, mantenendo il silenzio suo e dei collaboratori, per creare l’effetto sorpresa. Il suo ultimo Revival è uscito lo scorso anno, accolto da recensioni molto poco entusiaste, e Kamikaze arriva come una risposta alle critiche. Un unico segno Eminem l’aveva dato con il remix di uno dei brani di Revival, Chloraseptic, alla fine del quale prometteva vendetta contro i detrattori.

Kamikaze contro tutti

Le critiche contro Revival in effetti sono state pesanti, e a dire il vero eccessive, perché diversi momenti del disco restano buoni. Tuttavia, non c’è dubbio che Eminem ha sempre dato il meglio dinanzi a un obiettivo polemico. Per l’occasione, fa rivivere i siparietti delle telefonate con il manager Paul Rosemberg, sempre presenti nei primi dischi. Qui però non servono a far ridere, ma a spiegare il progetto-Kamikaze.  Nel primo, Rosemberg telefona a Em per dirgli che un disco di risposta ai critici non è una buona idea: se criticheranno anche questo, ci vorrà forse un Kamikaze 2?

Ma tutto questo Eminem lo sa, come dice nel brano di apertura, The Ringer: “You mention me, millions of views, attention in news / I mention you, lose-lose for me, win-win for you”. Tuttavia, spiega nel secondo siparietto, nel quale lascia un messaggio per Rosemberg, i critici non sono nemmeno in grado di capire le sue rime, ed è questo che lo fa incazzare, spingendolo a rispolverare Slim Shady: l’alter ego cattivo di Marshall Mathers.

I nemici di Eminem

Perché in realtà Kamikaze non è tanto diretto contro i critici musicali. C’è la frecciata a qualche youtuber, a Pitchfork (che da sempre lo odia per partito preso, è innegabile) e poco altro. Di fatto, Eminem parte dalle critiche rivolte contro di lui per parlare dello stato del rap attuale. Fatti salvi i nomi di rapper articolati, Kendrick Lamar in testa, che hanno la sua incondizionata approvazione, trap e mumble rap sono gli obiettivi polemici di Eminem.

Eminem – Kamikaze

Non per niente Kamikaze rende omaggio dalla copertina a Licensed to Ill dei Beastie Boys, spesso citato come uno dei dischi che l’hanno influenzato di più.

Vecchio rap …

… contro nuovo rap? Non è così facile. Lucky You e Not Alike utilizzano dei beats trap. Eminem vuole forse dimostrare di poter eccellere anche su quelli? Se così è ha ragione, perché da tempo non lo si sentiva tanto sul pezzo. Allo stesso modo, dimostra che il problema non sono i beats. Sono allora i testi che, come dice ancora in The Ringer, 9 volte su 10 delle volte parlano di gioielli?

Certo, che un rapper di 45 anni discuta dei gusti dei ragazzini che seguono i vari Lil’ e Young… finisce per essere un po’ trito.  Tuttavia, a prescindere da quello che si pensa dello stato del rap contemporaneo, ciò che conta è il modo in cui la vis polemica sembri energizzare Eminem, che con Kamikaze mette insieme un disco molto più compatto del precedente. Spariti quasi del tutto gli hooks e i samples facili facili, emergono le sue capacità veramente ineguagliate di rapper, almeno dal punto di vista tecnico: velocità, rime, vocabolario, allitterazioni, qui abbiamo l’incredibile talento dell’Eminem rapper.

I momenti migliori di Kamikaze

In Lucky You trova un partner alla sua altezza in Joyner Lucas, bravissimo, e insieme danno uno fra i brani migliori del disco. Ma anche The Ringer e Greatest, che adopera molto bene interpolazioni di Humble di Kendrick Lamar, sono potenti. The Fall utilizza una registrazione di Justin Vernon / Bon Iver (che si è subito dissociato dal messaggio: chiaro poi che l’indie risulta più esangue del rap) con risultati non dissimili da quanto avrebbe potuto fare Kanye West alla produzione, ed è un altro momento molto buono.

 

Non ci sono soltanto le polemiche contro i detrattori, in Kamikaze. Normal e Good Guy vedono tornare Eminem / Slim Shady alle prese con le sue ex. Mentre Stepping Stone spiega perché l’esperienza con i D12 si debba considerare finita.

Eminem, i critici e gli stans

Che siano le ex, i critici, i rapper, comunque tutto serve a Eminem per trovare verve sufficiente a comporre un disco superiore ai suoi ultimi. Più energico e più cattivo, meno lungo e meno pop. Non perfetto, magari, perché alcuni brani sono decisamente migliori di altri. Però nell’insieme potente e, per chi ama il rap ‘tecnico’, davvero soddisfacente.

Non guadagnerà a Eminem nuovi amici fra i rapper e nemmeno fra i critici. Per un certo tipo di critica musicale non andrebbe bene neppure se pubblicasse un disco all’altezza di The Marshall Mathers: l’anomalia Eminem è stata magari sopportata, però mai davvero digerita. Non gli guadagnerà neppure nuovi stans, poiché, al di là delle sue ire, è del tutto normale che i quindicenni ascoltino rapper vicini alla propria generazione. Di fatto Eminem neppure ne ha troppo bisogno, perché al pari del coetaneo Jay-Z riempie gli stadi, e senza Beyoncé al fianco (purtroppo per lui). Come quella dei Kamikaze, la sua è una battaglia persa, ma con molto onore.

Eminem – Kamikaze
8,1 Voto Redattore
10 Voto Utenti (2 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: