Fabrizio Cammarata - Of Shadows recensione
800A Records - 2017

Recensione: Fabrizio Cammarata – Of Shadows

Le belle ombre di Fabrizio Cammarata.

Fabrizio Cammarata - Of Shadows recensione

800A Records – 2017

Nel nostro resoconto del 2017 musicale abbiamo citato fra i tratti caratteristici dell’annata la presenza di diversi  bei dischi descrivibili come “autobiografie problematiche”.

Della categoria fa certamente parte Of Shadows di Fabrizio Cammarata, album che è fratello in spirito e suoni di In The Kingdom Of Dreams di Ian Felice e Stranger In The Alps di Phoebe Bridgers. (Ci sarebbe anche A Crow Looked At Me di Mount Eerie, ma sta in una dimensione dolorosa talmente irrimediabile da rendere quasi inopportuna la citazione.)

Of Shadows racconta un amore finito

Il musicista palermitano scrive 11 canzoni che parlano di un amore finito e vanno a formare un nitido resoconto  di quel periodo fatto di ombre con (occasionali) luci, picchiate con (faticose) risalite che segue la fine di ogni relazione sentimentale.

La frase che segue a Cammarata forse non piacerà. Però bisogna proprio dire, in stile conversazione da bar, che nella sfortuna gli è andata bene. Lo strazio dell’addio lo ha infatti portato a incidere l’album più bello della sua carriera. Of Shadows non ha nulla invidiare alle cose migliori di Iron & Wine, Bon Iver (prima maniera) e Damien Rice. E in I Don’t Belong Here il nostro impartisce una severa lezione sul tema ballata pianistica a Father John Misty.

Il fascino del lavoro sta nella dimensione solo apparentemente sommessa di melodie e suoni. Che sono invece carichi di forza vitale e  riescono a evocare grandi spazi quando invece si potrebbe pensare che l’emozione dominante sia la chiusura, la fuga nella propria stanza.

Fabrizio Cammarata sciamano di se stesso

Il classico concetto del fare musica come autoterapia trova stavolta una conferma, in versione ‘alternativa’, nelle parole dello stesso Cammarata: “Quando abbiamo ultimato il disco mi sono sentito come al termine di un rito sciamanico. Libero. Sono stato lo sciamano di me stesso!”.

Oltre che sciamano di se stesso, Fabrizio è stato anche buon amico degli ascoltatori a cui ha proposto canzoni in chiave acustica-con-elettronica che non risultano mai pesanti, che inducono al moto d’affetto più che alla compassione. Fanno eccezioni i nervi tesi di Naked For You, ma in queste situazioni è quasi normale, anzi necessario, che ci siano.

La conclusiva Mi Vida suggerisce un rasserenamento nonostante tutto, l’inizio di un percorso d’uscita dal dolore. Chissà perché viene da pensare che una gita al “Mount Pellegrino”, così amabilmente evocato da Cammarata nell’album Rooms, aiuterebbe parecchio.

Fabrizio Cammarata - Of Shadows
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E’ autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume “Folk inglese e musica celtica”. E’ stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!