Fleet Foxes - Crack Up | recensone album
Nonesuch - 2017

Recensione: Fleet Foxes – Crack-Up

Fleet Foxes – Crack-Up

Fleet Foxes - Crack Up | recensone album

Nonesuch – 2017

Li avevamo un po’ persi di vista, i Fleet Foxes, il gruppo guidato da Robin Pecknold dall’ampio organico e dalle barbe lunghe stile boscaioli. Nell’ultimo decennio avevano inciso  due dischi importanti. Il sorprendente  debutto omonimo era del 2008, seguito nel 2011 dal più che convincente Helplessness Blues. Le atmosfere bucoliche, il raffinato uso delle voci e gli  arrangiamenti  complessi, anche se un po’ pretenziosi, ne avevano decretato rapidamente  il successo.

Dopo sei anni di silenzio tornano i Fleet Foxes

Tuttavia, dopo un  lungo tour terminato nel 2012, la band  si è un po’ cristallizzata. Qualcuno ha persino lasciato, come il batterista Josh Tillman, che ora fa il solista quasi famoso sotto l’alias di Father John Misty.

 

Crack-Up è quindi un ritorno molto atteso, che ripaga i fans più impazienti,  ma è solo  parzialmente riuscito. L’effetto novità, dopo sei lunghi anni,  è scemato e qualche segno di stanchezza si avverte, anche se ci sono, come sempre, i caratteristici brani strutturati come vere e proprie  mini-suite  di sette/nove minuti. In più, nonostante il dizionario degli strumenti impiegati sia sempre più robusto (il qraqeb per esempio, che cos’è?) gli arrangiamenti sembrano meno ricchi e originali.

Peccato che Crack-Up non convinca del tutto

Le canzoni portano comunque il marchio di fabbrica Fleet Foxes creando un rassicurante  effetto déjà vu. Inoltre, qualche idea, come i fiati sordinati della title track, è veramente di buon gusto. Tutto questo non mette al riparo dai momenti di noia che  si affacciano qui e là, camuffati tra le squillanti armonie vocali, i testi con riferimenti letterari esoterici e titoli esotici, multipli o impronunciabili.

Diciamo che Crack-Up (‘cedimento, crollo, anche nervoso’ dice il dizionario) mostra qualche crepa evidente. Crepa  magari comprensibile nell’ambito di un terzo album che si configura come una ripartenza. Comunque, diceva Leonard Cohen, è dalle crepe che passa la luce, e qui ne arriva ancora parecchia da schiarire le ombre.

Fleet Foxes - Crack Up
7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.