Grandaddy - Last Place | recensione
30th Century - 2017

Recensione: Grandaddy – Last Place

Grandaddy – Last Place.

Grandaddy - Last Place | recensione

30th Century – 2017

I Grandaddy e il loro nuovo album chiamato Last Place. Cosa pensare? Ecco,  si potrebbe dire che è una questione di stati d’animo, di umori momentanei, di difficoltà personali incontrate oppure  superate. I dischi dove sotto la pelle corrono più evidenti le vene del sentimento funzionano a questo modo. Un momento sembrano pallidi, risaputi, ripetitivi; il momento successivo scintillano struggenti e assoluti. Naturalmente la seconda versione è quella che – romanticamente – si auspicherebbe più vicina alla verità oggettiva. La quale, in realtà non esiste. Quantomeno quando si parla di musica.

Jason Lytle ripropone, dopo 10 anni, la sigla Grandaddy

Last Place  rientra proprio in quest’altalenante categoria sonica. Oggettivamente è un buon disco che, a livello di contenuti, poco si discosta da quelli che Jason Lytle ha inciso sia come Grandaddy sia, in tempi più recenti, a proprio nome. Sempre oggettivamente, non pare all’altezza del mirabile The Sopthware Slump (2000) e nemmeno di Under The Western Freeway (1997), il lavoro che aveva fatto diventare Lytle e i Grandaddy sghembe star del circuito alt-rock.

 

Poi  la prospettiva emotiva per qualche ragione cambia. E  allora poco importa se l’artigianale fusione di sentimentalismo melodico, tecnologia da pattumiera informatica e gusto per il pop radiofonico ’80 in chiave nerd  poco sia cambiata rispetto a quei tempi là. Una cosa sola conta: le canzoni suonano ancora una volta coinvolgenti, malinconiche, umane (nonostante le tante ‘macchine’ usate) e con un filo di debolezza che induce alla solidarietà. Più o meno l’effetto suscitato, poco tempo fa,  da Little By Little dei Sodastream.

In Last Place a convincere è l’umanità delle canzoni

Piace molto il pezzo da cugini a modo dei Pixies (I Don’t Wanna Live Here Anymore), fa uno strano effetto quello che ricorda Elliott Smith (That’s What You Get For Gettin’ Out Of Bed)   e commuove il ritorno del tenero robot Jed the Humanoid  in una nuova versione denominata Jed The 4th (che finisce in una clinica per alcolisti). Ci vorrebbe a questo punto, il terzo ascolto, quello del giusto mezzo. Ma no, viva il pathos, ancorché sbilenco, e basta così.

Grandaddy - Last Place
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

(0 voti)
print

Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.