Idles - Joy As An Act Of Resistance | Recensione Tomtomrock
Partisan Records - 2018

Recensione: Idles – Joy As An Act Of Resistance

La gioia come atto di resistenza secondo gli Idles.

Idles - Joy As An Act Of Resistance | Recensione Tomtomrock

Partisan Records – 2018

Tendenze dell’oscurità contemporanea: i Low incidono un album estremo come Double Negative eppure chiudono i loro concerti invitando alla speranza; gli Idles continuano a suonare brutti, sporchi e sarcastici eppure intitolano il loro disco Joy As An Act Of Resistance. Aveva dunque ragione David Crosby quando cantava “Ma tu sai che l’ora più buia è sempre quella prima dell’alba”? Speriamo di sì. (*)

Brutti, cattivi e sarcastici dicevamo degli Idles. Il gruppo bristoliano, non a caso, viene sovente paragonato agli Sleaford Mods. Il punto è che gli SM suonano a volte troppo nichilisti, troppo miserabilisti. Gli Idles invece mostrano un’attitudine più variegata. Questo già a partire dai titoli dei loro dischi: il primo (2017) si chiamava Brutalism, il secondo, come detto, Joy As An Act Of Resistance. Anche nell’aspetto i cinque “indolenti” sfoggiano un autentico florilegio di stili andando dal nerd all’hippie post-atomico, dall’hipster al cantautore indie-triste. E poi c’è il cantante Joe Tabot che sembra un incrocio fra Lemmy e Bartolomeo Vanzetti. E nessuno ha davvero un’aria punk/post-punk in sintonia con la musica suonata.

I suoni di Joy As An Act Of Resistance

La musica, dunque. Joy As An Act Of Resistance non cambia molto rispetto al lavoro precedente: brani viscerali, aggressivi, persino violenti, cantati con grande enfasi. In questo senso il paragone più plausibile è con i Protomartyr. Tuttavia, a differenza dei cugini d’oltreoceano gli Idles mostrano una passione molto punk per la frase cantabile a squarciagola, per l’inno da concerto  e ciò li rende più avvicinabili e anche più positivi. Il risultato è che i 42 minuti del disco scorrono vitali  e in diversi momenti esaltanti, come nel caso di Danny Nedelko e Samaritans (che poi sono i momenti più simili a vere e proprie canzoni).

Le parole di Joy As An Act Of Resistance

Joy As An Act Of Resistance presenta un’altra caratteristica significativa. Si tratta infatti di un disco militante, molto chiaro negli intenti e nei bersagli prescelti. A finire sotto accusa sono il maschilismo, l’omofobia, il bullismo, la Brexit, il razzismo e, più in generale, tutto quanto è il pensiero comodamente qualunquista odierno. Insomma ci troviamo davanti a dei cattivi buonissimi. Il tono spazia dalla rabbia accorata di Danny Nedelko al sarcasmo di Never Fight A Man With A Perm (titolo dell’anno e testo del mese per il nostro sito) al geniale ritratto di un disadattato di sinistra tratteggiato in I’m Scum. In un contesto a sé stante si pone  la straziante June che Joe Talbot dedica alla memoria della figlioletta morta in fasce.

A dispetto di tutto questo, anzi per tutto questo, Joy As An Act Of Resistance offre proprio quello che dice il titolo: la gioia come atto di resistenza. Inutile far notare a questo punto che si tratta del secondo disco importante del 2018 con la parola ‘resistenza’ nel titolo (l’altro è Songs Of Resistance 1942-2018 di Marc Ribot). Un caso o un segno? La seconda ipotesi vince a mani basse.

(*) A dire il vero il testo di Long Time Gone prosegue in modo meno speranzoso: “Sembra passerà molto tempo prima dell’alba”.

 

Idles - Joy As An Act Of Resistance
8 Voto Redattore
10 Voto Utenti (1 voto)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E’ autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume “Folk inglese e musica celtica”. E’ stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.