Il Sistema Di Mel - Riempimi La Testa Con Un Mare Di Cemento recensione
I dischi del Minollo – 2017

Recensione: Il Sistema Di Mel – Riempimi La Testa Con Un Mare Di Cemento

Il Sistema Di Mel: chi sono?

Il Sistema Di Mel - Riempimi La Testa Con Un Mare Di Cemento recensione

I dischi del Minollo – 2017

Il Sistema Di Mel è la band composta da Federico Mingardi (voce, chitarra), Paolo Bosio (chitarra, cori), Alex Dossi (batteria) e Simone Mazzenga (basso, voce). Provengono dalla provincia di Brescia e sono attivi dal 2014 con demo ed EP. Con Riempimi La Testa Con Un Mare Di Cemento fanno il loro esordio sulla lunga durata. O quasi: il disco dura meno di mezz’ora, ma è un tempo sufficiente per capire dove va Il Sistema Di Mel. Esce per I Dischi del Minollo, interessante etichetta faro del DIY italiano.

Riempimi La Testa Con Un Mare Di Cemento, un disco dalle influenze varie

Riempimi La Testa Con Un Mare Di Cemento si compone di otto brani, tutti di buon livello, con alcuni picchi. Come il singolo/video Canzone Per Un Internato, che mostra il lato melodico del Sistema Di Mel.

 

Il che non significa una mancanza di forza di impatto. Anzi, la prima cosa che si nota nella loro musica è proprio una bella potenza, data dagli intrecci tra ritmica e chitarre. Su quella come, per esempio, nella conclusiva Nuova, si ascolta l’influenza dei Placebo. Folate di chitarre, dunque, e basso/batteria incalzanti.

Ma c’è anche un’altra componente nella musica del Sistema Di Mel. La si ascolta nell’iniziale Canzone DI Un Internato, dove prevale un’influenza post-punk. E anche in questo settore la band può giocare le sue carte. Belle le voci che sullo sfondo danno vita a cori non scontati.

Le voci del Sistema Di Mel

Proprio sulle voci tuttavia è il caso di soffermarsi un momento. La scelta del Sistema Di Mel va nella direzione che già dagli anni Ottanta avevano tracciato alcune band della new wave made in Italy (primi Litfiba, Diaframma), ossia una voce molto impostata e registrata ben al di sopra del mixaggio degli strumenti. Può piacere come no, ma è comunque una scelta stilistica definita, profondamente diversa da quella di molte altre band italiane di ambito shoegaze. Che consente peraltro di ascoltare bene i testi, mai banali. Nell’insieme un giudizio dunque più che positivo su un gruppo che ha certamente ancora spazi per crescere, sonorità da esplorare.

Il Sistema Di Mel - Riempimi La Testa Con Un Mare Di Cemento
7,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

You may also like...

Lascia un commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: