In Her Eye – Change Recensione
Autoproduzione / Kool Things – 2018

Recensione: In Her Eye – Change

Gli In Her Eye e l’Italogaze.

In Her Eye – Change Recensione

Autoproduzione / Kool Things – 2018

Gli In Her Eye hanno esordito nel 2011 con Anywhere Out Of The World, seguito da un EP, Borderline, nel 2014. Dopo aver assicurato la propria presenza in diverse compilation, tornano ora con un nuovo album, Change. Due le novità importanti per la band di origine lombarda. La prima è costituita da un cambio di formazione: con la presenza di Antonia Chiara Ciancaglini dei The Mystic Morning alle armonie vocali e con l’ingresso nella band Raffaele Bocchetti, ex Stella Diana. La seconda, più generale, è la crescita del movimento shoegaze in Italia. Italogaze, come alcuni amano ormai chiamarlo.

I riferimenti musicali degli In Her Eye

Inutile però fissarsi troppo sulle etichette e i generi. Come altre band loro vicine, gli In Her Eye mescolano diverse fra le tendenze dell’indie rock di questi ultimi anni. Il quartetto (composto oltre che dal nuovo arrivo dai membri storici Aldo Bernuzzi, Giuseppe Galotti e Stefano Schiavella) mescola new wave e tocchi di psichedelia. L’aver partecipato ai tributi per Ride, Cure, Wire la dice lunga sulle loro preferenze.

I brani di Change

Si comincia bene con Closer To Me, il brano più immediato di Change, non per niente scelto come singolo. Le chitarre sono ricche di riverberi come ci si aspetta, ma rispetto ad altre produzioni del settore gli In Her Eye scelgono di non mettere in secondo piano la voce. Change si divide tra canzoni più tirate, come Elephant e Demons, e ballate più lievi come Bianca. La title track rimanda visibilmente ai Cure dei quali gli In Her Eye hanno inciso una bella versione di Primary. Non rifuggono nemmeno a tentazioni melodiche, come evidente nella bella Neon Lights.

Change si compone di otto brani: abbastanza per comprendere lo spessore degli In Her Eye. Il disco avrebbe potuto giovarsi di un suono più esplosivo, difficile dire se perché la band si autoproduce. Ma non è un demerito dei brani, che sono tutti su ottimi livelli, quanto della registrazione. Niente tuttavia che infici seriamente la piacevolezza dell’ascolto di Change, un disco che proietta gli in Her Eye nel novero delle band italiane che contano.

In Her Eye – Change
7.7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.