Jake Bugg – Hearts That Strain Recensione
Virgin – 2017

Recensione: Jake Bugg – Hearts That Strain

Hearts That Strain: quarto disco per Jake Bugg.

Jake Bugg – Hearts That Strain Recensione

Virgin – 2017

Jake Bugg ha soltanto 23 anni e ben tre dischi alle spalle: quattro calcolando il recente Hearts Of Strain. All’inizio della sua carriera, nel 2012, era stato unanimemente salutato come una bella novità. Voce nasale che fa un po’ Bob Dylan, ma pesante accento di Nottingham. Songwriting tradizionale con un occhio agli States e storie del suburbio inglese. E comunque una manciata di belle canzoni, di quelle che colpiscono subito.

La carriera di Jake Bugg

Poi la sua storia si è intorpidita. Un secondo disco ancora buono assistito da Rick Rubin non aveva fatto l’unanimità. E da allora forse una qualche insicurezza si è fatta strada. Jake Bugg ha lasciato da parte il primo compagno di scrittura, Iain Archer, e ha voluto fare da solo. Lo scorso anno On My One era apparso confuso, ma con qualche spunto che lasciava ben sperare. E adesso questo Hearts Of Strain. Magari la prima cosa che viene da osservare è che forse varrebbe la pena di pensarci un po’ sopra, quando si produce un nuovo disco. Finora siamo alla media di uno ogni anno e mezzo.

Hearts That Strain disco americano

Hearts Of Strain vede Jake Bugg partire per l’America e affidarsi alle mani esperte di Matt Sweeney. In parte anche di Dan Auerbach, ormai già per suo conto in modalità rétro a tutto spiano. La maggior parte delle canzoni Jake Bugg se le compone da solo, per qualcuna si fa aiutare dai suddetti. Ma non ha importanza, è tutto uguale. Dimenticata l’Inghilterra, qui siamo nei territori del pop-country con tanto di arpeggi, pedal-steel, arrangiamenti eleganti quanto noiosi.

 

Anche le canzoni sono difficilmente distinguibili, come già detto. Qualche attacco fa ben sperare, come per How Soon Is Dawn, ma poi si adegua. E nella piattezza generale vengono fuori i difetti: la voce nasale di Jake è monocorde e difficilmente sembra interpretare davvero le canzoni. Il tutto alla fine scorre senza ferire, ma nemmeno si fa ricordare. E 23 anni sono davvero troppo pochi per generare un così scarso entusiasmo.

Jake Bugg – Hearts That Strain
5,3 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: