Jeff Rosentock Worry Recensione
SideOneDummy - 2016

Recensione: Jeff Rosenstock – Worry

Jeff Rosentock Worry Recensione

SideOneDummy – 2016

Quarto album da solista per Jeff Rosenstock, l’eclettico e iperattivo menestrello del post-punk americano (classe 1982). Qui propone con successo una serie di nuovi brani che rappresentano un compendio delle numerose esperienze passate.

Jeff Rosenstock: un tipo originale, irrequieto e soprattutto indipendente

La carriera musicale di Rosenstock  è davvero densa e articolata. Inizia giovanissimo come frontman della band ska-punk The Arrogant Sons Of Bitches per passare, negli anni zero, al collettivo Bomb The Music Industry.  di cui è anche produttore. L’area in cui si agita (parecchio) è quella del punk-rock con uno sguardo all’hardcore. Prima del debutto come solista, nel 2012, prosegue nel suo vorticoso susseguirsi vorticoso di esperienze. Collaborazioni e produzioni fino alla fondazione di un’etichetta indipendente, la  Quote Uniquote Records. Nel frattempo prende  parte ad altri progetti  con gruppi poco noti come The Sidekicks, Hard Girls, Archipelago Shinobu e altri.

Worry: un disco pirotecnico

L’ultimo capitolo dell’instancabile ragazzo di Long Island è un disco esuberante, vivace e spassoso. Diciassette tracce in cui Rosenstock dimostra di essere un artista maturo e completo. Diverte e si diverte alternando brani  strutturati, articolati e ben arrangiati con momenti di puro cazzeggio disimpegnato. Notevoli a tal proposito i 38 secondi di Pietro, 60 Years Old o il perfetto hardcore-punk Planet Luxury, 30 secondi netti. Worry parte piano: We Begged 2 Explode è un ottimo biglietto da visita. All’inizio spiazza con un incipit delicato e languido per esplodere dopo poco in una fragorosa ballata da stadio di facile presa, con tanto di cori che riappaiono nelle tracce successive. Si procede con Pash Rash e Festival Song, niente di particolare, ma ritmica e alternanza ritornello/strofa non fanno una piega.

I momenti migliori s’incontrano a metà strada: il singolo Wave Goodnight To Me, è corredato da un video grottesco e esilarante. E’ un pezzo che ammicca al facile ascolto, strizza l’occhio al meglio degli anni ’90 e rimane impresso. I Did Something Weird Last Night cambia ritmo pur non perdendo smalto. Il resto è un’opera giocosa con tratti magniloquenti, magari non geniali, ma che rendono Worry un disco da riascoltare con piacere.

Jeff Rosenstock - Worry
7.8 Voto Redattore

https://www.youtube.com/watch?v=QM897NJ0jLo

print

Mauro Carosio

Written by

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.