Lloyd Cole - Guesswork
earMUSIC - 2019

Recensione: Lloyd Cole – Guesswork

 Lloyd Cole – Guesswork: canzone elettronica con sentimento.

Lloyd Cole - Guesswork

earMUSIC – 2019

 

 

Il massiccio cantautore di Buxton, Derbyshire,  ormai americano a tutti gli effetti, dedito al golf e a certe bevande ambrate, torna con un disco inaspettato ed originale. Di  Lloyd Cole, negli anni ottanta, si ricorda il fresco esordio (con i Commotions) di  Rattlesnakes, che inaugurò una stabile carriera con rari picchi e molto mestiere.

Gli antecedenti di Guesswork

Dalla lunga lista di produzioni emergono alcune stranezze soniche: una è Selected Studies Vol. 1, la collaborazione  con Hans-Joachim Rodelius  (Cluster, Brian Eno, Dieter Moebius e molto altro); la seconda è Plastic Wood, disco solista, ma interamente strumentale ed elettronico come il precedente.

Questi due episodi (con altri di minor impatto) rientrano per certi versi  nella narrazione di Guesswork, lavoro costruito su una strumentazione totalmente sintetica, nonostante la presenza degli ex-Commotions Neil Clark e Blair Cowan – i due, tra l’altro  si ritrovano a suonare assieme dopo ben trent’anni. Il pop raffinato che ha caratterizzato gli eccellenti dischi  degli anni ‘00 di Lloyd Cole (Antidepressant, Broken Record, Standards) ne esce comunque bene, raffreddato al punto giusto dalle alchimie elettroniche, come un buon vino da aperitivo…

 

Lloyd Cole: voce e scrittura colpiscono sempre

La bella ed intensa voce di Cole non è cambiata, solo l’età (e magari i liquidi di cui sopra) la rendono ancora più interessante. Cosa altrettanto importante, le melodie sono sempre deliziose e in grado di farsi ricordare dopo pochi ascolti. E’ questo un dono che appartiene al cantautore da sempre, evidente anche  quando spoglia le canzoni del tutto, come nei vari progetti acustici che ha accumulato negli ultimi anni (Radio Bremen: Folksinger Vol. 1, The Whelan: Folksinger Vol. 2, My Austere Demeanour: Folksinger Vol. 3).

Dunque Guesswork è un  bel disco di synth-pop, di brani dilatati e densi come l’iniziale The Over Under, oppure robotici  e incalzanti come Night Sweats. Superbo il  finale con When I Came Down From The Mountain, con echi del Donald Fagen solista, seguito dall’ algida Loudness War, un pastiche ipnotico tra Bono e David Sylvian che funziona perfettamente come commiato.

Lloyd Cole - Guesswork
7,7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.