MGMT - Little Dark Age
Columbia - 2018

Recensione: MGMT- Little Dark Age

Lo spumeggiante ritorno degli MGMT, fra rock e psichedelia.

MGMT - Little Dark Age

Columbia – 2018

Sono trascorsi 10 anni dall’ esordio degli MGMT con l’album Oracular Spectacular, acclamato da pubblico e critica.  Ad esso avevano fatto seguito Congratulations e l’album omonimo MGMT, che aveva in parte deluso i fan, nonostante la presenza di brani di tutto rispetto come Alien Days, che, soprattutto live, riesce sempre a risultare coinvolgente.

A ragione, quindi, il nuovo Little Dark Age era particolarmente atteso, se non altro per riuscire a capire quale direzione artistica avrebbe preso la band capitanata dal duo VanWyngarden e Goldwasser.

Little Dark Age, title track, è anche il primo singolo estratto dall’album. Pubblicato a fine novembre e accompagnato da un video dalle atmosfere gotico-psichedeliche, e ricco di citazioni balthusiane, è un brano di sicuro impatto e un eccellente biglietto da visita.

 

Abbiamo avuto modo di vedere gli MGMT live alla Cigale a inizio febbraio, qualche giorno in anticipo rispetto alla pubblicazione dell’album. Molte  le tracce che avevamo quindi apprezzato in anteprima.

Iperrealismo, psichedelia e sonorità eighties

Dieci brani, 44 minuti. Little Dark Age è un interessante mélange di sfumature gotiche, iperrealismo, psichedelia e pop anni 80. Il tutto già dall’iniziale She Works Out Too Much, surreale dialogo incentrato sul fitness.

Bella e di notevole impatto la sequenza Little Dark Age, When You Die e Me And Michael.  Gothic Pop divertente e sonorità assieme elaborate e gradevoli, per tre brani che entrano a buon diritto fra i classici della band.

I testi di Little Dark Age

Se i testi, nella loro semplicità, non sono al solito fra i punti forti della band, One Thing Left To Try si segnala, invece, per la sua complessità e un’inconsueta profondità. “One thing left to try/See if you can make it/Before you choose the night/And the silence overtakes you/If you looked into the fire/And you had that conversation/Then there’s one thing left to try/If you want to save your life” canta VanWingarden in strofe che lasciano intendere una vicenda di grave disagio psicologico.

Fra le tracce più interessanti e insolite nell’economia dell’album c’è When You’re Small, ballata dalle atmosfere beatlesiane e dal testo a tratti ossessivo.

Nel complesso un lavoro riuscito per il duo di Brooklyn. Album lieve e complesso allo stesso tempo, capace di coinvolgere e divertire chi lo ascolta.

MGMT - Little Dark Age
7.7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mariangela Macocco è stata inviata di TomTomRock da Parigi fino al marzo 2018.

Mariangela Macocco

Written by

Mariangela Macocco è stata inviata di TomTomRock da Parigi fino al marzo 2018.

You may also like...

Lascia un commento!