Phoenix – Ti Amo Recensione
Loyauté, Glassnote – 2017

Recensione: Phoenix – Ti Amo

Phoenix – Ti Amo.

Phoenix – Ti Amo Recensione

Loyauté, Glassnote – 2017

Il titolo ha eccitato la stampa italiana. I francesi, ma con afflato internazionale, Phoenix intitolano Ti Amo il loro ultimo disco. E non solo. Da Lucio a Battiato, dal Festival di Sanremo al gelato Fior Di Latte (titolo di una canzone), è tutto un riferirsi all’Italia. Quella delle spiagge anni ’70 (o ’60, o ’80, o ieri?) che si vedono nel video di Goodbye Soleil. Peraltro una delle canzoni migliori di Ti Amo.

I Phoenix e l’Italia

In realtà, moderiamo gli entusiasmi patriottici. Con Ti Amo i Phoenix continuano il discorso cominciato da loro molti anni orsono insieme a Air e Daft Punk. Un movimento un po’ impropriamente definito French Touch, perché poi ognuno va per la sua strada; ma che indica la musica francese che, con testi prevalentemente in inglese, si è creata ben più di una nicchia sul mercato che conta. O, se preferite, pop internazionale dal gusto europeo più che angloamericano. I Phoenix con Ti Amo danno un seguito a Bankrupt! e al precedente, bellissimo, Wolfgang Amadeus Phoenix.

Ti Amo: canzone romantica?

Con Ti Amo cercano spunti nuovi e li trovano, appunto, in quest’estate italiana immaginaria. E in un pop spumeggiante perfetto per l’estate reale che è ormai qui. J-Boy apre bene, ma poi è soprattutto la title track a dare subito il giusto tiro al disco. Inno agli amori veloci dell’estate, con una possibilità romantica: “Love You! Ti amo! Je t’aime! Te quiero! non è ancora amore, ma aspetta / Sarò accanto al jukebox / Champagne o prosecco? / Suonando classici dei Buzzcocks, Battiato e Lucio”. Ma, più concretamente, il refrain si conclude con un “apri le gambe”.

I Phoenix compongono un disco per l’estate

Stessi temi estivi ricorrono in Goodbye Soleil, nella più lenta Fior Di Latte, come detto entrambe ottime, o in Fleur De Lys e Role Model. Sono tutte canzoni riuscite. Nonostante i Phoenix abbiano una strumentazione piuttosto tradizionale, il fatto che in molte delle canzoni le chitarre siano filtrate attraverso i synth dà al tutto un gusto electro-pop. Solo verso la fine il disco si affloscia leggermente. Complice il fatto che Via Veneto e Telefono usano l’italiano più delle altre, con risultati alla Mal & The Primitives non entusiasmanti. Facendo dimenticare che anche in questi due episodi la musica non è poi male. E’ un disco che si sente e si risente volentieri. Difficile dire se andrà oltre l’estate, ma anche questa leggerezza fa parte del fascino dei Phoenix.

Phoenix – Ti Amo
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: