Randy Newman - Dark Matter
Nonesuch Records - 2017

Recensione: Randy Newman – Dark Matter

Il ritorno di Randy Newman, fra musica rock e Broadway

 

Randy Newman - Dark Matter

Nonesuch Records – 2017

 

74 anni e quasi 50 anni di carriera: Randy Newman, poliedrico musicista statunitense, due volte premiato con l’Oscar per le sue composizioni originali, estremamente profilico e fuori da ogni schema, è tornato in scena  con un nuovo bellissimo lavoro, Dark Matter, pubblicato con la prestigiosa Nonesuch Records e qualitativamente non lontano dai suoi capolavori anni ’70. Rock, blues, jazz si intrecciano e dialogano nelle nove tracce che compongono i 40 minuti scarsi dell’album.

Dark Matter: un disco per ogni tipo di pubblico

Musica, testi e atmosfere da vaudeville, che paiono rubate a un musical di Broadway, costituiscono un insieme indefinibile che riesce ad essere apprezzato da ogni tipo di pubblico. Non è un caso che recensioni siano apparse sui più conosciuti siti dell’indie rock così come sul New Yorker, a sottolineare la dimensione universale di Randy Newman. Ce ne accorgiamo sin dalla prima traccia, The Great Debate, che ha l’andamento di una vera piéce teatrale.

Musica e ironia come in una piéce di Broadway

Otto minuti fitti fitti per un dialogo serrato su creazionismo e anticreazionismo al quale partecipano personaggi credenti, agnostici e atei senza mai perdere la barra della leggerezza e autoironia e con una giusta dose di cinismo. Ma è la politica, assieme alla fede, la grande protagonista di Dark Matter.

Randy Newman e la politica

Il secondo brano, Brothers, ci parla infatti di John e Robert Kennedy immaginati alla vigilia della crisi dei missili su Cuba. Le ragioni di stato si intrecciano al ritmo della rumba cubana e il pezzo si trasforma in un omaggio alla musica di Celia Cruz. “There’s a woman there in Cuba/ Whom I love/ Oh no, Jack/ Not in a bad way, but a good way/ Do you know any Cuban music, Bob? / Does I Love Lucy count? / Of course it does /But the one whom I love is/ Celia Cruz” recita la canzone. Non è certo un caso che a questo pezzo segua il graffiante Putin, un brano ironico e spiazzante sul potente presidente russo, stigmatizzato in tutte le sue manie e nei suoi piccoli e grandi tic di vanità, una sorta di Tom Cruise alla ricerca di un primo piano, così come spiegato dallo stesso Newman in una recente intervista.

Ironia e disillusione

I testi hanno una grandissima rilevanza nella produzione di Newman, proprio per la loro teatralità e la grande autoironia che li contraddistingue. Tuttavia la musica non è meno rilevante. Grandissima è anche la varietà di stili musicali. Si va dal vaudeville, al jazz, fino ad arrivare a romantiche ballate dominate dal suono di un pianoforte o accompagnate da archi.

Atmosfere hollywoodiane per Dark Matter

Sovente si respira una dimensione quasi hollywoodiana, a sottolineare una volta di più il talento di Newman nel creare colonne sonore di grande bellezza. Lost Without You e Wandering Boy ne sono un bell’esempio. Pezzi intimistici, malinconici che parlano di amore, delusione e disillusione, su un ritmo a volte vagamente retro. “Even if I knew which way the wind was blowing / Even if I knew this road would lead me home /Even if I knew for once where I was going / I’m lost out here without you”. Cosi’ canta Newman in apertura di Lost Without You.

E c’è spazio anche per il blues e la California surf

Dunque rock, blues e jazz, ma anche testi teatrali e cinematografici. Un album davvero spiazzante e bellissimo, questo di Randy Newman, con le sue storie surreali e glam che in On the Beach ci trasportano anche nella California dorata dei surfers. E nel mondo fatato dei bluesmen con Sonny Boy. Ne sono stata rapita sin dal primo ascolto e non posso che consigliarlo a tutti quanti.

 

Randy Newman - Dark Matter
8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Mariangela Macocco è stata inviata di TomTomRock da Parigi fino al marzo 2018.

Mariangela Macocco

Written by

Mariangela Macocco è stata inviata di TomTomRock da Parigi fino al marzo 2018.

You may also like...

Lascia un commento!

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: