Riccardo Tesi & Banditaliana - Argento
Visage Music - 2018

Recensione: Riccardo Tesi & Banditaliana – Argento

Riccardo Tesi & Banditaliana tra folk, rock e altro ancora.

Riccardo Tesi & Banditaliana - Argento

Visage Music – 2018

Potrà sembrare strano trovare la recensione di un disco “folk” in un sito che ha il termine “rock” perfino nel nome. Ma, in realtà, il folk – anche se soprattutto quello d’oltreoceano – ha un consolidato diritto di cittadinanza su Tomtomrock. E poi in fondo, come ama dire il chitarrista dei Sacri Cuori – e non solo – Antonio Gramentieri, “il liscio è il nostro country”. E proprio al ballo liscio, depurato da ogni “eccesso da balera”, Riccardo Tesi ha dedicato uno dei suoi dischi più belli (Un Ballo Liscio, 1995). Ma quello di Banditaliana è tutt’altro che liscio “classico”. Da anni Tesi e i suoi sodali fanno un lavoro di scavo nella tradizione popolare italiana, elaborando un sound che ha una sua ben definita cifra stilistica. Che ovviamente mantengono anche quando compongono e interpretano i propri pezzi.

Un sound mediterraneo per Argento

Col passare degli anni questo sound si è fatto sempre più “mediterraneo”. Senza peraltro perdere un solido ancoraggio alla tradizione popolare italiana. E ha cementato un sodalizio che dura ormai da venticinque anni, nonostante – o forse proprio per questo – i suoi membri coltivino ognuno anche altri progetti: dal jazz manouche di Maurizio Geri al quartetto di organetti diatonici Samurai per Tesi, fino al progetto solista di quell’autentico one man band che è Gigi Biolcati. E questo disco intende proprio celebrare, fin dal titolo, i venticinque anni di attività di uno dei gruppi più longevi della scena musicale italiana.

Su Argento, Riccardo Tesi & Banditaliana alternano composizioni originali e tradizionali

Anche stavolta il disco alterna pezzi solo strumentali (Ciociaria, Giri, Donna Tita, Nordest, Puma) a brani popolari “rivisitati” (Donna Guerriera) e a composizioni originali (Napoli, Miniera). Completano l’elenco un brano dove è evidente l’influsso della tradizione musicale occitana (Anar Passar), che riporta agli esordi di Tesi e alla sua collaborazione col mandolinista Patrick Vaillant. Nonché un toccante omaggio a Gianmaria Testa (Polvere di Gesso), impreziosito ancor più dalla tromba di Paolo Fresu.

In molti collaborano per la riuscita di Argento

Già, perché – come a ogni celebrazione di nozze d’argento che si rispetti – gli invitati sono numerosi e portano doni di pregio. Oltre al citato Fresu, troviamo Mauro Pagani suonare il bouzuki in Anar Passar. E poi alcune delle più belle voci della musica popolare italiana (Elena Ledda, Lucilla Galeazzi, Ginevra Di Marco e Luisa Cottifogli, tutte già partners di Tesi nel progetto “Bella Ciao”) darsi il cambio in Donna Guerriera. Senza dimenticare un’altra delle star europee dell’organetto diatonico e socio di Tesi nei Samurai, il basco Kepa Junkera, in Nordest. Il gruppo mostra, come sempre, un affiatamento invidiabile, nel quale si inserisce in quasi tutti i brani il contrabbasso di Nicola Vernuccio e, nei due brani strumentali più lenti Bradipo Re e Donna Tita, il vibrafono di Ettore Bonafé.

Argento è la conferma del talento di Riccardo Tesi & Banditaliana

E proprio nei brani “lenti” l’organetto di Riccardo Tesi trova il modo di disegnare alcuni di quei gioielli melodici per i quali va giustamente famoso. Spesso dialogando con la chitarra di Maurizio Geri o col sax di Claudio Carboni. Un disco ricchissimo e molto vario, dove però non c’è una nota di troppo. Suonato da virtuosi del proprio strumento che non fanno alcuna concessione al virtuosismo fine a se stesso. A conferma dell’ormai consolidatissimo talento di compositore e di produttore del musicista pistoiese.

Riccardo Tesi & Banditaliana - Argento
8,5 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

“Giovane” ultrasessantenne, ha ascoltato e ascolta un po’ di tutto: dalla polifonia medievale all’heavy metal passando per molto jazz, col risultato di non intendersi di nulla! Ultimamente si dedica soprattutto alla scoperta di talenti relativamente misconosciuti.

Renzo Nelli

Written by

“Giovane” ultrasessantenne, ha ascoltato e ascolta un po' di tutto: dalla polifonia medievale all'heavy metal passando per molto jazz, col risultato di non intendersi di nulla! Ultimamente si dedica soprattutto alla scoperta di talenti relativamente misconosciuti.

You may also like...

Lascia un commento!