Robyn – Honey (Conichiwa/Interscope – 2018) di Mauro Carosio Honey! Riapre la boutique del pop. Robin Miriam Carlsson in arte Robyn inizia giovanissima. A soli tredici anni, cantando una canzone che aveva come tema il divorzio dei genitori, viene notata da una casa discografica e firma il suo primo contratto. Passano gli anni e tra alti e bassi l’artista riesce a farsi conoscere in tutto il mondo grazie a dischi molto abboccati e a un paio di brani che scalano le charts europee e americane. Robyn torna dopo otto anni di assenza dalla scena discografica con un nuovo lavoro in cui tenta di allontanarsi dalla linea pop di classe dei precedenti album e a tratti ci riesce. Robyn, quasi quarantenne, è simpatica a pubblico e critica e questo è il lato positivo di un’artista che non ha portato particolari innovazioni nell’ambito in cui si è inserita. Anche in questa prova, ottavo disco in studio dal 1995, siamo in un ambito totalmente pop, ben realizzato, per un pubblico svagato e divertito e per le radio. Ben realizzato esattamente come potrebbe esserlo un buon disco di Kylie Minogue la quale, avendo però più pretese, sta meno simpatica e questo la penalizza. Le nuove canzoni Come si diceva con Honey l’artista di Stoccolma prova a tratti a prendere le distanze dalla linea pop anni ’90 che ha contraddistinto i precedenti lavori. L’operazione si avverte maggiormente nella seconda parte dell’album. I due singoli, MissingYou e Honey sono fabbricati ad arte, e in maniera impeccabile, per compiacere il pubblico che aspettava proprio questo tipo di prodotto. Oltre a questo ci sono un paio di episodi possono suscitare interesse anche nei confronti di chi non si soffermerebbe troppo su un disco del genere. Between The Lines e Beach 2k20 sono la sorpresa che lascia pensare ad un’artista matura che prova a cercare nuove sonorità per un futuro adeguato. Il fatto che tra i collaboratori del nuovo disco spunti il nome di Joseph Mount dei Metronomy forse è un segnale del fatto che nelle intenzioni di Robynci sia quella di una virata meno popolare. Voto 7.2
Universal - 2018

Recensione: Robyn – Honey

Honey: riapre la boutique del pop.

Robyn – Honey (Conichiwa/Interscope – 2018) di Mauro Carosio Honey! Riapre la boutique del pop. Robin Miriam Carlsson in arte Robyn inizia giovanissima. A soli tredici anni, cantando una canzone che aveva come tema il divorzio dei genitori, viene notata da una casa discografica e firma il suo primo contratto. Passano gli anni e tra alti e bassi l’artista riesce a farsi conoscere in tutto il mondo grazie a dischi molto abboccati e a un paio di brani che scalano le charts europee e americane. Robyn torna dopo otto anni di assenza dalla scena discografica con un nuovo lavoro in cui tenta di allontanarsi dalla linea pop di classe dei precedenti album e a tratti ci riesce. Robyn, quasi quarantenne, è simpatica a pubblico e critica e questo è il lato positivo di un’artista che non ha portato particolari innovazioni nell’ambito in cui si è inserita. Anche in questa prova, ottavo disco in studio dal 1995, siamo in un ambito totalmente pop, ben realizzato, per un pubblico svagato e divertito e per le radio. Ben realizzato esattamente come potrebbe esserlo un buon disco di Kylie Minogue la quale, avendo però più pretese, sta meno simpatica e questo la penalizza. Le nuove canzoni Come si diceva con Honey l’artista di Stoccolma prova a tratti a prendere le distanze dalla linea pop anni ’90 che ha contraddistinto i precedenti lavori. L’operazione si avverte maggiormente nella seconda parte dell’album. I due singoli, MissingYou e Honey sono fabbricati ad arte, e in maniera impeccabile, per compiacere il pubblico che aspettava proprio questo tipo di prodotto. Oltre a questo ci sono un paio di episodi possono suscitare interesse anche nei confronti di chi non si soffermerebbe troppo su un disco del genere. Between The Lines e Beach 2k20 sono la sorpresa che lascia pensare ad un’artista matura che prova a cercare nuove sonorità per un futuro adeguato. Il fatto che tra i collaboratori del nuovo disco spunti il nome di Joseph Mount dei Metronomy forse è un segnale del fatto che nelle intenzioni di Robynci sia quella di una virata meno popolare. Voto 7.2

Universal – 2018

Robin Miriam Carlsson in arte Robyn inizia giovanissima. A soli tredici anni, cantando una canzone che aveva come tema il divorzio dei genitori, viene notata da una casa discografica e firma il suo primo contratto. Passano gli anni e tra alti e bassi l’artista riesce a farsi conoscere in tutto il mondo grazie a dischi per palati facili e a un paio di brani che scalano le charts europee e americane.

Il ritorno di Robyn

Robyn torna dopo otto anni di assenza dalla scena discografica con Honey, lavoro in cui tenta di allontanarsi dalla linea pop di classe dei precedenti album e a tratti riesce nell’impresa. Ciò non toglie che si resti comunque nell’ambito di un prodotto rivolto soprattutto alle radio e a un’utenza svagata. E se le recensioni sono quasi tutte molte positive è perché Robyn, quasi quarantenne, è simpatica a pubblico e critica. Se lo stesso disco lo avesse inciso, tanto per fare un nome, la più sfrontata e pretenziosa Kylie Minogue  gli entusiasmi sarebbero stati pressoché assenti.

Una possibile svolta per Robyn

Come si diceva, con Honey l’artista di Stoccolma prova a tratti a prendere le distanze dalla linea pop anni ’90 dei precedenti lavori e che qui resta ben percepibile nei due singoli, Missing You e Honey, fabbricati in maniera impeccabile per compiacere il pubblico che aspettava proprio questo tipo di prodotto. Nella seconda parte ci sono però un paio di episodi certamente patinati ma con qualche increspatura destinata a suscitare interesse anche in chi  non si soffermerebbe troppo su un disco del genere. Between The Lines e Beach 2k20 sono la sorpresa che lascia pensare ad un’artista matura che prova a cercare sonorità adeguate a un possibile nuovo ruolo. Il fatto che tra i produttori spunti il nome di Joseph Mount dei Metronomy forse è un segnale che nelle intenzioni di Robyn ci sia una virata in direzione meno sonico-populista.

Robyn - Honey
6,9 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

 

print

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

Mauro Carosio

Written by

Ha suonato con band punk italiane ma il suo cuore batte per il pop, l’elettronica, la dance. Idolo dichiarato: David Byrne. Fra le nuove leve vince St. Vincent.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.