Simple Minds - Walk Between Worlds | recensione
BMG - 2018

Recensione : Simple Minds – Walk Between Worlds   

Il passato dei Simple Minds.

Simple Minds - Walk Between Worlds | recensione

BMG – 2018

Fa un certo effetto trovarsi tra le mani nel 2018 un disco dei Simple Minds, senz’altro una della band che più di qualsiasi altra proveniente dei  tardi anni’70, ha saputo, nel bene e (un po’ troppo spesso) nel male, reinventarsi e rimodellarsi. Un concetto canonizzato nel lontano 1972 dal titolo del primo brano dell’eponimo debutto dei Roxy Music

Il primo album della formazione scozzese tanto infatti doveva alla band di Eno e Ferry, sia nell’estetica musicale che nell’attitudine tardo glam e già, da lì a poco, le coordinate cambiarono repentinamente con il secondo album. Tra l’altro Jim Kerr raccontò che, appena uscì l’opera prima Life In A Day, la band era tutta contenta del risultato. Ma, accendendo la radio, sentirono Unknown Pleasures dei Joy Division e la depressione calò sulla combriccola…

Questo per dire che la personalità della band fu sempre messa a repentaglio da tempi e periodi storici e tale atteggiamento resiste a tutt’oggi.

Oggi i Simple Minds tornano con Walk Between Worlds

Walk Between Worlds mantiene esattamente le promesse (non miracolose, per parafrasi…) che Kerr e Charlie Burchill, unici superstiti della formazione originaria, intendono rinnovare alle generazioni presenti e pure un po’ passate.

L’album si dipana, appunto, tra due immaginari mondi, due ideali facciate di un LP, la prima con residui di inni pomp rock e la seconda più improntata su songs che navigano in paesaggi sonori. Quindi da una parte si balla e dall’altra pseudorelax. Personalmente detesto il singolo Magic, troppo contemporaneo, per i miei gusti, mentre apprezzo The Signal And The Noise, titolo molto Enofilo, e riconosco dignità a Sense Of Discovery.

Il resto è da buttare? Dipende da chi ascolta, io ho le orecchie viziate dalla conoscenza profonda della band e storco, a tratti, il naso. Ma altre generazioni invece potrebbero apprezzare eccome.

Walk Between Worlds presentato in un imminente tour

Prodromo alla tournèe che toccherà anche i nostri lidi, immagino che questo lavoro  sarà molto più apprezzato live che non su supporto. Anche perché Kerr resta discreto, checché appesantito, performer e, complice  la riproposizione dei vecchi classici, lo show porterà lacrimucce e psychorimpianti… Big Music mi era piaciuto di più, ma una chance anche a questo volevo darla. Attendo la prossima rigenerazione, i Simple Minds sono i Doctor Who della musica.

Simple Minds - Walk Between Worlds
6 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Collaboratore per testate storiche (Rockerilla, Rumore, Blow Up) è detestato dai musicisti che recensisce e dai critici che non sono d’accordo con lui e che , invece, i musicisti adorano.

Marcello Valeri

Written by

Collaboratore per testate storiche (Rockerilla, Rumore, Blow Up) è detestato dai musicisti che recensisce e dai critici che non sono d'accordo con lui e che , invece, i musicisti adorano.

You may also like...

Lascia un commento!