Steve Earle & The Dukes -So You Wannabe An Outlaw | recensione album
Warner Bros - 2017

Recensione: Steve Earle & The Dukes – So You Wannabe An Outlaw

Steve Earle & The Dukes – So You Wannabe An Outlaw.

Steve Earle & The Dukes -So You Wannabe An Outlaw | recensione album

Warner Bros – 2017

Continua la buona stagione delle uscite in ambito country/country-rock. Il genere risulta spesso risulta banale e ripetitivo, ma in questo periodo sta consegnando diversi buoni dischi. Ne  sono un esempio il fiero ritorno di Willie Nelsonl’omaggio di Bonnie ‘Prince’ Billy a Merle Haggard. E adesso arriva questo nuovo disco di Steve Earle, So You Wannabe An Outlaw.

Steve Earle & The Dukes rendono omaggio agli ‘outlaws’ del country anni ’70.

Sembra che le celebrazioni del trentennale di Guitar Town, per le quali Earle ha riproposto dal vivo lo scorso anno il celebre album d’esordio, abbiano portato una ventata di freschezza alla scrittura del cantautore texano. Il risultato è il suo disco più bello da un parecchio tempo in qua. So You Wannabe An Outlaw comincia senza freni,  con il  teso country rock del brano omonimo e un riff che sembra proprio citare quello di Guitar Town. Earle condivide il microfono con Willie Nelson e il duetto  è uno dei  momenti forti dell’album. Qui come altrove aleggia la musica di un ‘outlaw’ per eccellenza della country music, il monumentale e controverso Waylon Jennings.

So You Wannabe An Outlaw mostra uno Steve Earle tornato ai livelli migliori

Il resto della tracklist offre una piacevole varietà di situazioni. Ci sono momenti più intimi, come il duetto con Miranda Lambert, This Is How it Ends. Già dal titolo si capisce che il tema trattato è  la specialità ‘alternativa’ di Earle, separazioni e divorzi. Negli sporchi rock-blues come Fixin’ To Die la memoria corre invece a dischi come Copperhead Road o The Hard Way. Altri punti fermi dello stile di Steve Earle sono rappresentati dalla classica ballata in punta di fingerpicking The Girl On The Mountain e dal western swing di Walkin’ In L.A.

Commuove  l’omaggio a Guy Clark

Il colpo da maestro arriva  però con il sentito omaggio al maestro di vita Guy Clark , l’intensa Goodbye Michelangelo che chiude il disco ‘normale’. Nella consueta e consigliabile deluxe edition Earle aggiunge quattro cover, due dal repertorio di Willie Nelson e una ciascuno da quelli di  Waylon Jennings e di Billy Joe Shaver.

Steve Earle & The Dukes - So You Wannabe An Outlaw
8,0 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

Fausto Meirana

Written by

Recensore di periferia. Istigato da un juke-box nel bar di famiglia, si cala nel mondo della musica a peso morto. Ma decide di scriverne  solo da grande, convinto da metaforici e amichevoli calci nel culo. Scrive così così, disegna anche peggio, come si capisce qui: www.fausto-meirana.tumblr.com

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.