felice b favorite waitress

Recensione: The Felice Brothers – Favorite Waitress

felice b favorite waitress

Dualtone – 2014

Sette anni fa, ai tempi del primo album ufficiale Tonight At The Arizona, i Felice Brothers sembravano la Band dei Basement Tapes, non solo nel suono ma anche nell’aspetto. Visti da vicino uno era il clone di Garth Hudson, uno la fotocopia di Levon Helm e così via. Anche i vestiti davano l’idea di essere datati 1967 e con pochi lavaggi all’attivo da allora. Il tempo è passato, Simone Felice ha iniziato una proficua carriera solista e  i suoi fratelli e amici si sono abbastanza allontanati dai canoni ‘bandistici’, addirittura proponendo, nel precedente Celebration, Florida, sghembi linguaggi rock.

 

Il nuovo Favorite Waitress suona come un rientro nel recinto alt-folk, un arretramento che, sulle prime, è causa di una certa delusione. Poi però escono fuori le canzoni e si scopre che sono molto meglio strutturate rispetto al passato e anche se le colpisse un fulmine (come accadde durante le sessions di Tonight At The Arizona) non si farebbero nulla. Subito  ti emoziona un pezzo solo, poi un altro, poi un altro ancora e alla fine ti piace tutto il disco. Come una fioritura, insomma.

E  c’è anche  questa sensazione di stralunatezza sensata, di allegria con una vena di tristezza – e viceversa – e di un generale senso di conciliazione degli opposti (i cori impeccabilmente debordanti) che è sovente la materia di cui sono fatti i dischi che lasciano un segno duraturo.

The Felice Brothers - Favorite Waitress
7,8 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

 

print
Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.