last bison

Recensione: The Last Bison – Inheritance

The Last Bison: il roots-rock in chiave cristiana.

last bison

Republic/Universal – 2013

Provate a immaginare come sarebbe il roots rock visto dai Monty Python e avrete The Last Bison: tutto in loro, a partire dal nome, è patinato di buoni  e antichi valori:  aspetto da bravi ragazzi e ragazze della Virginia che quando parlano di guerra intendono quella di Secessione, una fusione di suoni tra il folk e il cameristico che per il  ’13 (se inteso come 1913) suona decisamente ardita  e un posto d’onore all’interno del Good Christian Music Blog. Detto che il padre dei due fondatori della formazione, Benjamin e Annah Hardesty, fa di mestiere il pastore d’anime, è inevitabile che le canzoni di questo album, il primo per una major,  evochino chiese in legno, boschi che di notte fanno un po’ paura e bontà verso chiunque.

Le molte qualità di Inheritance

Finendola con quest’ironia un po’ stupida, bisogna dire che come dinamismo i Last Bison si pappano i Mumford & Sons, come cori creano problemi d’invidia ai Fleet Foxes e come spettacolarità delle soluzioni strumentali non dispiacerebbero al maestro Van Dyke Parks.  Manca forse il pezzo che stende al primo ascolto, ma sarebbe chiedere l’impossibile visto che i Last Bison per principio non danno pugni a nessuno. E comunque il disco è bello, alla faccia dei laici spiritosi e invidiosi.

The Last Bison - Inheritance
7 Voto Redattore
0 Voto Utenti (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

 

print
Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.