The Magnetic Fields - 50 Song Memoir | Recensione
Nonesuch - 2017

Recensione: The Magnetic Fields – 50 Song Memoir

The Magnetic Fields – 50 Song Memoir.

The Magnetic Fields - 50 Song Memoir | Recensione

Nonesuch – 2017

“Sono Stephin Merritt e questa è la mia autobiografia in 50 canzoni, una per ogni anno della mia vita. Gli argomenti sono quasi sempre l’amore e la musica, per cui non impegnatevi troppo a cercare un filo conduttore e se le cose si addolciscono andando verso i 50, è la vita.”

I Magnetic Fields sono Stephin Merritt. E viceversa

La breve nota sul retro del cofanetto di 50 Song Memoir spiega davvero tutto. Merritt è l’anima, la mente, il cuore, gli strumenti (al 90%)  e le manie (al 100%) dell’entità chiamata The Magnetic Fields.

Il capolavoro del (falso) gruppo fu, nel 1999, 69 Love Songs, che in origine avrebbe ospitare 100 canzoni. Poi, dato l’argomento, si preferì un numero più… ammiccante. In seguito, il ritorno agli album singoli si dimostrò poco congeniale al musicista newyokese che nello stretto dei 10-12 pezzi sembra trovarsi a poco agio e tende a fare lo strano di poco costrutto. Un fondista della discografia, insomma.

50 Song Memoir: un album come una serie televisiva in 5 parti

Ecco dunque che l’arrivo del quintuplo 50 Song Memoir, anziché preoccupare (come sarebbe accaduto per quasi qualsiasi altro musicista), aveva rinfocolato le speranze di un nuovo grande disco. E così è stato.


Si va dal 1966 al 2015. I cinquanta titoli sono divisi in cinque cd, come puntate di una serie tv in cinque stagioni. Il repertorio di suoni, situazioni, stili è inevitabilmente vario, ma senza troppi estremismi. Si viaggia lungo gli anni fra serietà  e gioco, esotismo e modernariato, glockenspiel e drum machine. Oltre a un’infinità di tastiere elettroniche, alcune dai nomi del tutto improbabili.

50 Song Memoir mantiene un livello qualitativo uniformemente alto

Il giudizio sui singoli pezzi è certamente soggettivo e ognuno ne troverò un bel numero a cui affezionarsi. Indiscutibile invece il fatto che nessuno abbia i connotati del riempitivo o del pretesto simpatico e tutti siano strutturati con attenzione e amore artigiano.

Il secondo cd (1976-1985) è il più divertente, visto che racconta esordi (The Blizzard Of ’78), dubbi (Rock’n’Roll Will Ruin Your Life) e passioni  musicali (Foxx And I) del giovane Merritt. Il quarto è il più pensoso, persino troppo, forse in sintonia con periodi non troppo felici.

I testi vanno di pari passo con la musica, alternando ironia e struggimento e, nei momenti migliori, fondendoli senza sforzo. Altro esempio di fusion naturale è rappresentato  dalla voce, un po’ sottotraccia e un po’ stentorea. Alla fine il risultato è più confidenziale che monumentale.

Divertendo commuove, commuovendo diverte. Cosa volere di più da 50 Song Memoir? Facile: il sesto cd fra 10 anni.

The Magnetic Fields - 50 Song Memoir
8,8 Voto Redattore
Voto Utenti 0 (0 voti)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E’ autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume “Folk inglese e musica celtica”. E’ stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

Antonio Vivaldi

Written by

Giornalista musicale di pluriennale esperienza, ha collaborato con Rockerilla, Musica!, XL e Mucchio Selvaggio. Ha tradotto per Giunti i testi di Nick Cave, Nick Drake, Tom Waits, U2 e altri. E' autore di monografie dedicate a Oasis, PJ Harvey e Cranberries e del volume "Folk inglese e musica celtica". E' stato uno dei curatori della riedizione, nel 2017, degli album di Rino Gaetano. Fa parte della giuria del Premio Piero Ciampi. Si occupa di eventi di vario tipo dedicati alla musica rock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.