Julian Casablancas The Voidz Virtue
RCA / Cult – 2018

Recensione: The Voidz – Virtue

Julian Casablancas + The Voidz.

Julian Casablancas The Voidz Virtue

RCA / Cult – 2018

Per il disco precedente, Tyranny, Julian Casablancas + The Voidz era stato il nome prescelto. Ma, ormai appurato che Julian Casablancas ha una band alternativa (e parallela) a The Strokes, ecco che The Voidz diviene l’unico nome per presentare il nuovo disco Virtue. Almeno immaginiamo che sia questa la ragione della scelta, dato che di recente Julian Casablancas non pare esprimere le sue posizioni con grande chiarezza.

Virtue vs Tyranny

E anche per quanto concerne la musica, sembra evidente che molte sono le idee che frullano in testa a Julian Casablancas e ai suoi The Voidz. È vero che già Tyranny era un disco ricco di spunti, ma anche di influenze differenti. Che tuttavia dal vivo trovavano una compattezza a tratti entusiasmante. Virtue prosegue il discorso variando ancora di più: al punto da sembrare l’unione fra più dischi. Da una parte abbiamo l’anima rock-pop che caratterizza il lavoro di Julian Casablancas con The Strokes. Evidente per esempio nell’apertura del disco, Leave It In My Dreams. Oppure in Wink. Altrove il disco riprende l’eclettismo già presente su Tyranny con tocchi prog che a volta fanno pensare a una versione pop dei The Mars Volta.

 

QYURRYUS ne è l’esempio migliore, con melodie orientaleggianti e un uso molto intelligente dell’autotune, che serve a sottolineare le qualità vocali innegabili di Julian Casablancas.

Qualità e difetti di Virtue

Ce ne vorrebbero di più di momenti così su Virtue. Che invece a tratti perde il filo e manca dell’intensità che aveva il primo disco. Tuttavia, ci si diverte insieme a Casalancas su brani come All Wordz Are Made Up o Pyramid of Bones.

 

Oppure ci si confonde su ALieNNatioN, che comincia con un bel beat e poi rimane sospesa. Virtue avrebbe potuto giovarsi di una produzione più autoritaria. Shawn Everett sembra avallare tutte le scelte della band e il disco, con 15 canzoni, finisce per essere davvero troppo lungo. Tuttavia, se The Voidz funzionano per Casablancas come antidoto al pop della sua prima band, si comprende il perché di molte scelte: che ci piacciano o meno.

The Voidz – Virtue
7,3 Voto Redattore
8 Voto Utenti (1 voto)
Cosa ne dice la gente... Dai il tuo voto all'album!
Sort by:

Be the first to leave a review.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Show more
{{ pageNumber+1 }}
Dai il tuo voto all'album!

print
Marina Montesano

Written by

Mi piace la musica senza confini di genere e ha sempre fatto parte della mia vita. Condividerla con gli altri è fondamentale: per questo ho fondato TomTomRock.

You may also like...

Lascia un commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.